Food

Grissini furbissimi al parmigiano

grissini furbissimi al parmigiano

 Ma perchè hai un blog di cucina?
Non avete idea di quante volte mi sia stata rivolta la domanda.
E tutte le volte la risposta delude.
Giuro, è che non lo so nemmeno io come sia cominciata.
Guardavo ammirata piatti altrui su internet, tanti anni fa, ed a forza di prove ho cominciato a postarne anche io su un forum che frequentavo.
Sarà stato il fatto che le ricette erano un po’ inusuali per il panorama italiano, dato che vivevo già all’estero ed ero esposta a contaminazioni che in terra nostrana non si erano ancora viste.
Martha Stewart non la conosceva nessuno all’epoca, mentre io ne vedevo lo show in tv tutti i giorni (e spero sempre che un giorno mi riconosca il merito di averne diffuso il verbo in Italia intitolandomi, che so, un po’ delle azioni delle sue innumerevoli società 🙂
Sarà che l’anima cialtrona e tendente sempre alla shortcut, la scorciatoia, ha fatto capolino subito e immediatamente ha fatto presa.
Sarà stato tutto, o solo il caso: ma le mie ricette venivano seguite, replicate, commentate.
Da un numero di persone che non mi sarei mai sognata.
Ed una ricetta tira l’altra.
Fino a volerle postare su uno spazio tutto mio, il blog Arabafeliceincucina, di cui fossi signora e padrona cialtrona quanto mi paresse e piacesse.
E sono arrivati i miei lettori.
Un po’ mi conoscevano dal forum di cui sopra e mi hanno cercata quando lì non ho postato più.
Gli altri, boh, ancora un mistero per me come negli anni se ne siano accumulati tanti.
Tanti leggono, tanti scrivono.
E mi spiace aver dovuto abbandonare la buona abitudine di rispondere ad ogni singolo commento, ma davvero stava diventando ingestibile…tranne che se mi si fa una domanda tecnica: su quelle mi faccio in quattro per rispondere.
Ed oltre alle ricette sono arrivati spezzoni della mia vita, in maniera quasi ovvia dato che spesso ciò che mi accade è legato in maniera intrinseca a ciò che mangio.
Mi chiedono: “Ma non è una perdita di tempo?”.
A volte confesso di averlo pensato.
Ma in cambio di una ricetta ogni tanto ho interagito con persone in tutto il mondo dal mio pezzetto di deserto, e conosciuto alcuni di quelli che ora sono tra i miei più cari amici nella vita reale.
Non è più che abbastanza da avere indietro? 😉

Oggi vi parlo di una cialtronata come mio solito, manco a farlo apposta sempre della mitica Martha Stewart.
Niente da impastare, pesare o far lievitare ed in venti minuti al massimo, cottura compresa, avrete uno sfizio buonissimo alla portata di tutti.
Fatene tanti, che rimangono solo le briciole 😉

 

GRISSINI FURBISSIMI AL PARMIGIANO
da Everyday Food di Martha Stewart

pasta sfoglia, surgelata o fatta in casa
burro fuso
parmigiano grattugiato o altro formaggio a piacere
pepe o altre spezie a piacere

Far scongelare la pasta sfoglia surgelata in frigo quindi stenderla non troppo sottile ricavando un rettangolo.
Pareggiare i bordi con un coltello, in questo modo gonfierà più uniformemente, e spennellare con burro fuso. Spolverizzare abbondantemente con parmigiano grattugiato premendo con le mani perché aderisca.

sfogliaRovesciare quindi il rettangolo e fare lo stesso dall’altro lato.
Tagliare tante strisce da circa un centimetro usando una rotella taglia-pizza ed adagiarle su una teglia antiaderente. Cuocere in forno preriscaldato a 195 gradi per circa sette-dieci minuti controllando che non brucino.

grissinitagliati
Tirare fuori dal forno e non toccare assolutamente finchè non sono freddi.

NOTE

– provateli anche con pecorino e paprika, vengono deliziosi. Sbizzarritevi negli abbinamenti 🙂

– possono essere preparati con diverse ore di anticipo rispetto a quando vanno serviti.

Arabafelice, Arabia Saudita

 

loading...

Author

Arabafelice Arabia Saudita

Arabafelice Arabia Saudita

Un marito, un gatto, un lavoro, un blog Arabafelice in cucina e mille hobby.
Sperduta da anni tra deserti nordafricani e mediorientali ora in quello saudita da un bel po' convinta che la vita sia quella che ci creiamo.
Un amore sconsiderato per il fitness ed il latte condensato.
E tutto quello che c'è in mezzo.

22 Comments

Dicci cosa ne pensi!

/* ]]> */