Viaggi

I miei luoghi (nascosti) preferiti di Sydney

Claudia Australia
Written by Claudia Australia

Così ha detto qualcuno. E non posso che essere d’accordo. Quante volte non visitiamo i musei, le attrazioni o gli angoli più nascosti della nostra città ma giriamo il mondo per scoprire resti di civiltà sconosciute? Non c’è dubbio che lo sconosciuto e il diverso attraggano più di quello che ci è famigliare. Ma così facendo molte volte ci perdiamo bellezze e tesori che ci stanno proprio sotto il naso.

Da quando vivo a Sydney mi sono promessa e ripromessa di scoprire e conoscere posti nuovi della città e dello stato. Voglio sentirmi una turista nella mia città, per mantenere vivo quel senso di eccitazione e di scoperta che ho provato appena mi sono trasferita qui. Sydney è una città che amo con tutta me stessa e vorrei non arrivare mai a stancarmi di lei. Anzi, voglio che continui a stupirmi, giorno dopo giorno. 

Le attrazioni più turistiche della città le conosciamo tutti: l’Opera House, l’Harbour Bridge, Darling Harbour, le spiagge e così via. Imperdibili, senza dubbio. Ma oggi voglio parlarvi di quei luoghi nascosti di cui le guide turistiche non parlano, lontano dai percorsi battuti dai turisti. Dove però io ho lasciato un pezzetto di cuore.

I relitti di Homebush

Se dico relitti, cosa vi viene in mente? Vascelli e navi da guerra sul fondale dell’oceano? E se vi dicessi che nel cuore di Sydney ci sono quattro relitti ci credereste? Eppure è così! Nel 1966 una parte di quest’area di Sydney, conosciuta come Homebush Bay, venne destinata allo smantellamento delle navi. Quando questo “cimitero” venne chiuso, alcuni dei relitti vennero abbandonati in acqua. Le leggi locali proteggono i relitti con più di 50 anni per cui sono rimasti lì dove si trovavano. Oltre che essere un punto decisamente panoramico, questa zona di Homebush permette anche bellissime passeggiate tra le mangrovie o rilassanti pedalate tra i parchi della zona. Perfetto per locali e turisti di ogni età, assolutamente gratis ed accessibile da chiunque!

relitti homebush sydney

I giardini botanici di Auburn

Questi piccoli giardini botanici in un quartiere decisamente molto poco raccomandabile conosciuto sono stati un’incredibile scoperta di un paio d’anni fa. Belli in qualsiasi periodo dell’anno grazie ai suoi laghetti e piccoli fiumi di un azzurro irreale, al bosco australiano ed al piccolo zoo con animali nativi, sono però assolutamente da non perdere durante la fioritura dei ciliegi o durante il foliage autunnale.
Se cercate qualcosa che sia davvero inusuale e fuori dalle solite mete turistiche, non potete non farci un salto. Inutile dirvi che lo raccomando a tutti, ma proprio tutti, soprattutto in occasione dei due festival di primavera e autunno!

auburn botanic gardens sydney

Paddington Reservoir Gardens

Tra il caos e la ressa di Oxfor Street e Paddington giace incontaminato un pezzo di storia. Riserva idrica della città tra il 1866 e il 1899, è solo nel 2006 che gli architetti Tonkin Zulaikha Greer e James Mather Delane trasformarono questo luogo così funzionale in uno di piacere. Questo giardino infossato è davvero una piccola oasi dove rilassarsi, approfittando delle sedie a sdraio messe lì a disposizione e della wifi gratuita, dove leggere un buon libro o fare un picnic in compagnia. Gli archi di mattoni, il verde lussureggiante e la fontana centrale danno davvero un’aria surreale a questo luogo così insolito nel cuore di Sydney!

Paddignton reservoir sydney

Bicentennial Park di Glebe

Annandale è stata la mia casa per quasi un anno e, durante quel periodo, il primo del mio PhD, era mia abitudine farmi una passeggiata lungo questo bellissimo parco che costeggia tutta Rozelle Bay e Blackwattle Bay, da Annandale al Fish Market passando per Glebe. Con scorci spettacolari dell’Harbour Bridge e Anzac Bridge, è tutt’ora uno dei miei parchi preferiti in tutta Sydney.

Bicentennial park Sydney

Cockatoo Island

Situata alla confluenza del fiume Parramatta e Lane Cove, Cockatoo Island è una ex prigione imperiale, scuola industriale, riformatorio e carcere. È stato anche il luogo di uno dei più grandi cantieri d’Australia nel corso del ventesimo secolo e, dal 2010, Cockatoo Island è stata nominata patrimonio dell’UNESCO. Oggi Cockatoo Island conserva molti resti del suo passato: l’edificio della prigione è stato inserito nell’elenco degli 11 posti australiani considerati Patrimonio dell’Umanità, mentre i laboratori di grandi dimensioni, gli scivoli, le banchine, i residence ed altri edifici conservano lo spirito del passato industriale dell’isola.
Un vero gioiellino per gli appassionati di storia, ma anche per chi semplicemente vuole scoprire qualcosa di più sulla città o vedere la splendida baia da un punto di vista diverso.

cockatoo island

Il Sydney Rowing Club di Abbotsford

Per quanto Abbotsford sia solo uno dei tanti quartieri nell’Inner West di Sydney che si affacciano sulla baia, per me ha un non so che di magico, soprattutto al tramonto. Il Sydney Rowing Club di Abbotsford offre la vista migliore su tutto il fiume Parramatta. Quando è stato fondato nel 1870 si trovava proprio dove oggi sorge l’Opera House, ma già nel 1947 è stato trasferito dove si trova oggi. Il che è meglio per noi, ovviamente! La location sul fiume è semplicemente perfetta, sia che si stia fuori sia che ci si sieda dentro, soprattutto al tramonto. È inoltre raggiungibile anche con il traghetto che da Circular Quay porta a Parramatta, per cui ci si arriva facilmente da qualsiasi punto della città.

abbotsford sydney

E questi sono solo alcuni dei miei luoghi preferiti qui a Sydney, lontano dai percorsi battuti dai turisti.

E a voi piace giocare a fare i turisti nella vostra città? Cosa vi piace esplorare e scoprire?

Claudia, Australia

Loading...

Author

Claudia Australia

Claudia Australia

Viaggiatrice da sempre, ho studiato e vissuto negli Stati Uniti e Francia, prima di raggiungere definitivamente il mio bell’avvocato in Australia. Dal 2011 chiamo casa questo strambo ma spettacolare paese a testa in giù, e casa lo è diventata ancora di più da quando sono diventata cittadina australiana! Sono all’ultimo anno di un Dottorato di Ricerca, e a breve dovrò seriamente pensare a cosa fare “da grande”. Ma per il momento mi godo la mia vita quaggiù, alla scoperta di paesaggi mozzafiato e una cultura veramente unica, di cui racconto nel mio blog personale Diario dal Mondo

4 Comments

  • Veramente bellissimo viaggiare così.
    1. Posso andare dappertutto anche se sono in sedia a rotelle
    2. Non spendo nulla: trasporti, alberghi, ristoranti
    3. C’è anche he una notevole economia di tempo
    4. Lo trovo molto riposante, e poi nessuna attesa in aeroporti o in stazioni varie
    5. Non ho faticato minimamente a trovare una guida, anche ottima.

    Mi è mancata solo una cosa: il rapporto umano. Ma provvedo altrimenti. Grazie infinite per questo viaggio che mi è stato offerto

    • Grazie a te Gin, per essere capace (e volenterosa) di viaggiare con i mezzi che ti sono messi a disposizione! Sei unica! Un abbraccio!

    • Il piacere e’ tutto mio…. perche’ per me e’ davvero un piacere scoprire gli angoli nascosti di Sydney!

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */