Tips&Tricks

Sydney, ma quanto mi costi?

costo della vita a sydney
Claudia Australia
Written by Claudia Australia

A seconda degli indici e dei report che trovate in rete, vedrete che l’Australia come paese, e Sydney come città, sono sempre in testa alle classifiche dei posti più costosi dove vivere. Non è un segreto che la vita qui costi cara, e di questo se ne accorgono anche i turisti! Per fortuna i salari sono proporzionati, così che è possibile vivere decentemente anche con un salario medio. Ma, chi vive qui lo sa, Sydney sa essere infida e, se non prestate troppa attenzione, in un battibaleno (o in un paio di uscite) vi può svuotare il portafogli. Vediamo allora di fare un po’ il punto sul costo della vita a Sydney, sull’onda dei post su  Dubai e Lima.

Casa: affitti e bollette

Cominciamo dagli affitti di casa, in assoluto la spesa più consistente per il vostro conto corrente. Di seguito vi riporto alcuni prezzi indicativi che ho trovato dopo aver fatto una ricerca per case in affitto nelle seguenti zone:

  • Affitto trilocale in centro: dai 2.220 euro al mese in su, arrivando tranquillamente anche sopra i 3.500 al mese.
  • Affitto trilocale a Bondi beach: dai 2.000 euro in su al mese, arrivando anche qui a prezzi esorbitanti.
  • Affitto villetta trilocale a Newtown: dai 1.800 euro in su al mese.

Se siete in affitto avrete solitamente le spese per la corrente e gas, mentre all’acqua ci penserà il landlord. Al momento il mio appartamento non ha l’allacciamento al gas e va tutto a corrente elettrica (con le piastre a induzione). Noi paghiamo circa 150/175 euro a quadrimestre per 2 persone, usando il riscaldamento e l’aria condizionata molto moderatamente. Quando eravamo in affitto e avevamo entrambe le bollette pagavamo sui 100/140 euro a quadrimestre di corrente + 70/100 euro a quadrimestre di gas.

Le case sono al 99%  affittate e vendute già con la cucina, che include forno e lavastoviglie, ma non frigo e microonde. La lavatrice potrebbe essere inclusa, così come potrebbe essere condominiale, oppure potreste doverla portare. Per avere internet a casa io pago circa 48 euro al mese per internet illimitato con Dodo, mentre per il telefono dipende molto dalla compagnia. Per quanto riguarda le pulizie in casa, non posso parlare per esperienza personale perché non è un servizio che abbia mai usato, ma so che la tariffa oraria per una donna delle pulizie si aggira intorno ai 17 euro.

Spesa e mangiare fuori

Per quanto riguarda la spesa, qui a Sydney ci sono 3 catene di supermercati: Coles, Woolworths e Aldi (tipo il nostro LIDL) più piccoli negozi alimentari indipendenti per le emergenze. In 2 + gatto noi spendiamo in media sui 70 euro a settimana, alcolici esclusi. Per darvi un’idea, questi sono i costi di alcuni generi alimentari:

  • latte (1L): 0.85 euro
  • Lavazza oro 200g: 7 euro
  • scatola di pasta Barilla: 1.30 euro
  • pane in cassetta: dai 0.60 ai 2.5 euro
  • 1 kg di zucchero: 0.70 euro
  • 1 caspo di lattuga: 1 euro
  • ½ kg di carne macinata di manzo: dai 2.75 agli 5.5 euro a seconda della qualità
  • 1 barattolo di pelati Mutti: 1 euro

Mangiare fuori varia moltissimo dal tipo di ristorante, ma direi che quelli buoni sono piuttosto cari. Un piatto unico in un ristorante medio vi costerà sui 17/20 euro a testa, che è anche il prezzo di una pizza italiana buona. Una birra in un locale costa sui 3.5 euro per una bottiglia da 375 ml oppure, se in bicchiere da circa 400 ml, sui 4.5/5 euro. Un bicchiere di vino costa almeno 5.5 euro, mentre un caffè dai 2 ai 3 euro. Se volete pranzare fuori, raramente troverete un piatto a meno di 7 euro.

Necessità varie

Prendere la metro/treno a Sydney costa dai 2.50 euro in su a seconda dalla distanza percorsa. La benzina ultimamente oscilla tra i 0.60 e 0.85 euro al litro. Noleggiare un’auto per un giorno vi costerà sui 50 euro minimo per le macchine più piccole. Ci sono però varie opzioni di car sharing che vanno a ore. Se comprate una macchina, l’assicurazione vi costerà sui 450 euro annuali + 200 euro di revisione annuale.

Non posso parlare delle scuole perché ancora non ho bimbi da mandare, ma so che le private qui possono costare come l’università! Inoltre la divisa, e spesso ormai anche il portatile, è obbligatoria. Ovunque sono a carico delle famiglie.

L’assicurazione sanitaria di base che copra anche extra minimi vi costerà sui 40 euro mensili.

Hobby ed extra

Frequentare una palestra vi costerà sui 40 euro al mese per 12 mesi + circa 35 euro per iscriversi. Potete trovare però lezioni individuali ad esempio di zumba o yoga che potete fare al costo di 7/10 euro a lezione. Per andare al cinema un adulto deve pagare 14 euro mentre un bambino/ragazzo sotto i 15 anni paga 10 euro.

Fare shopping qui è caro. Sono finalmente arrivati anche qui Zara e H&M ma sono nettamente più cari che in Italia. Amazon Australia purtroppo si limita a vendere solo libri, ma ci sono altri siti come Asos o Kogan dove poter comprare online.  Anche comprare i libri in libreria è parecchio caro. Raramente trovo libri sotto i 20 euro, a meno che non siano in offerta speciale.

Un parrucchiere medio vi chiederà almeno 35 euro per taglio e piega. Spesso però il taglio sarà a secco e i capelli vi verranno lavati dopo il taglio. Non chiedetemi perché! Un parrucchiere come si deve vi costerà almeno 70 euro per taglio e piega! Una manicure può costarvi 35 euro. La ceretta bikini 10 euro e mezza gamba 15 euro, ma questi prezzi cambiano molto da negozio a negozio. Io ho provato anche a fare il trattamento laser e ho trovato offerte per ascelle e bikini per 30 euro a sessione.

E’ difficile paragonare numeri, anche perchè il costo della vita dipende molto dal rapporto con i salari. Qui a Sydney sono generalmente medio-alti. Ma Sydney rimane per me una città cara, dove uscire a colazione/pranzo/cena è un regalo che ci si fa. Anche andare al cinema diventa un evento abbastanza raro. Vivere a Sydney con salari medi vuol dire scendere a compromessi riguardo a dove vivere. E trovare l’equilibrio perfetto tra costo dei mezzi di trasporto e affitto. Vivere a Sydney con un lavoro normale implica fare scelte ogni mese. Questo però immagino valga un po’ in tutto il mondo. Sicuramente se volete vivere bene a Sydney dovete avere un buon lavoro.

Se siete ancora in dubbio e volete farvi un’idea del costo della vita tra Sydney (o qualsiasi altra città) rispetto a dove vivete ora, controllate questo sito! La vostra città risulta più o meno cara di Sydney?

Claudia, Australia

Loading...

Author

Claudia Australia

Claudia Australia

Viaggiatrice da sempre, ho studiato e vissuto negli Stati Uniti e Francia, prima di raggiungere definitivamente il mio bell’avvocato in Australia. Dal 2011 chiamo casa questo strambo ma spettacolare paese a testa in giù, e casa lo è diventata ancora di più da quando sono diventata cittadina australiana! Sono all’ultimo anno di un Dottorato di Ricerca, e a breve dovrò seriamente pensare a cosa fare “da grande”. Ma per il momento mi godo la mia vita quaggiù, alla scoperta di paesaggi mozzafiato e una cultura veramente unica, di cui racconto nel mio blog personale Diario dal Mondo

8 Comments

    • Ciao Cinzia. Non esiste uno stipendio minimo generale, ma esiste il minimo sindacale all’ora per i vari lavori. Per esempio, se lavori in un bar come cameriera il minimo sono 17$ (12 euro) l’ora se sei parttime o fulltime o 22$ (15 euro) all’ora se sei casual. E’ difficile parlare di stipendio medio, perché alcune professioni hanno stipendio annuo, altre orario. Per farti un esempio io al momento lavoro in un ufficio per una NGO e guadagno 25$ (17 euro) l’ora.

  • Oh yes, noi per un appartamento con due camere e due bagni paghiamo $4,800 al mese . Va bene che siamo in una zona molto cara, che abbiamo un po’ di vista dal terrazzo e che ci permette di andare al lavoro a piedi…ma a voler proprio risparmiare ed essere comunque vicino al centro non avremmmo speso molto meno…

    Concordo che per vivere decentemente a Sydney bisogna avere un buon lavoro o essere giovani e spensierati e dividere un appartamento in 8/10 persone!

    Notare che nel campo del IT (in generale ben retribuito) è molto comune lavorare come ‘contractors’ (self employed a partita IVA per intenderci). Lavorando così io per esempio prendo $80 l’ora ma sono lordi, devo cioè pagarci le tasse, e non ho ne’ ferie ne’ malattie pagate. Però tutto sommato, a fine anno mi conviene. Continuo a sognare una realtà un po’ più vivibile di Sydney per il futuro…

    • Cara Francesca,
      penso che una Sydney più vivibile dal punto di vista economico sia più utopia che realtà. Dicono che i prezzi delle case scenderanno, ma intanto salgono salgono e salgono ancora. Sydney è una città meravigliosa in cui vivere – secondo me – ma che sia proprio alla portata di tutti direi di no! Ma ecco, fortunate noi che possiamo permetterci di viverci e di godercela senza sfacchinare 20 ore al giorno!

  • Bello trovare questo blog!
    Prossimo mese mi trasferiró a Sydney, fortunatamente con cittadinanza australiana. Sono nata e cresciuta in Italia, 5 anni fa ho vissuto in australia per due mesi ma a Melbourne. A tratti sono spaventata, la mia unica paura è non avere un inglese sufficiente che mi faccia trovare un lavoro. Sto vedendo che ci sono molti contratti christmas nel retail( ho sempre lavorato nei negozi) ma forse meglio fare un college!!! Oppure meglio trovare monolocale o stanza in appartamento in condizioni oscene???!!!! Quante domandeee!!! Non vedo l’ora di essere già arrivata ed essere sistemata!!

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */