Desperate!

Cinque atteggiamenti e questioni che non tollero. A Roma.

serena amiche di fuso 5 atteggiamenti che odio a Roma
Written by Serena Scozia

Atterrare a Fiumicino è ogni volta un battesimo del fuoco, se da una parte c’è lo stupore e l’orgoglio di vedere gli ambienti puliti dall’altro è un veloce ripasso di alcune tra le cose che più male sopporto.
Durante il resto del mio soggiorno a Roma queste cose aumentano, mi capitano sotto gli occhi, ci inciampo ed oggi ho deciso di parlarne. Di pancia e di questo mi scuso.

1) L’atterraggio.

L’applauso l’ho fatto anche io prima di diventare una globetrotter e non parlo di questo, in alcuni voli mi sembrò anche una cosa molto carina.

Quello che invece mal sopporto è il realizzare che sì, è vero, noi Italiani abbiamo un tono della voce piuttosto alto e anzi ci piace proprio farci ascoltare mentre siamo al telefono.
Neanche il tempo di fermare l’aereo e siamo già tutti al cellulare a parlare di nulla.
Voci che si sovrappongono, prendono accordi e si lamentano della qualsiasi, ma veramente della qualsiasi come se ci fosse stata la fine del mondo.

Durante il mio ultimo volo l’applauso non c’è stato ma 180 mani hanno iniziato a comporre numeri sul cellulare, all’unisono.

Le cinture di sicurezza vengono slacciate e le gambe scalpitano.
Il comandante ripete di stare seduti ma è inutile, sono tutti in piedi, incuranti di quella piccola regola per una serena convivenza.

Io vorrei strozzarli tutti.

serena amiche di fuso 5 atteggiamenti che odio in Italia foto tutti in piedi in aereo

2) La maleducazione di chi dovrebbe aiutarti

Eravamo in tanti sul volo e le valigie non riescono ad entrare tutte nel rullo.
Arrivano due ragazzoni a prenderle e buttarle in mezzo al pavimento, alla buona.
Per tutto il tempo non perdono occasione di lamentarsi del lavoro, della situazione – che è spiacevole, me ne rendo conto – aggiungendo parole colorite e inveendo contro un sistema che a volte cede.

Una donna velata non trova il suo bagaglio e giustamente si avvicina ad uno di questi che, agli occhi di chiunque , sembra far parte del team che gestisce i bagagli.

Ma no, niente, il ragazzo non parla una parola di inglese e ripete alla signora “Si sposta per favore che sto lavorando!” per tre volte.
Sì, lo fa in italiano.

Non sono la snobbettina fortunella che ha vissuto all’estero ed ora che sa l’inglese deve far pesare alcune cose a chi non ha avuto le stesse occasioni.
Proprio no.

Ma due parole in croce ed un “I’m sorry but I don’t speak english very well. See, there is an information point there. I suggest you to go there” e’ impossibile che non lo si impari lavorando in un aereoporto.
E se non lo si fa, se nulla si vuole imparare pur lavorando in un aeroporto come Fiumicino, è veramente grave.

3) L’abusivismo sotto gli occhi di tutti

“Taxi?”
Me lo chiede una signora mentre esco dall’aeroporto anche se la piazzetta è ben lontana da lì.
Solo dal modo di proporsi ho capito l’antifona, tornando con la memoria a quando secoli fa frequentavo stazione Termini e la stessa domanda mi veniva posta.
Sono abusivi.
No, dai, non è possibile che nessuno fermi tutto questo.

Questa donna è di fronte a me, con il viso scoperto e l’aria tranquilla.
NON.
E’.
NORMALE.

4) Ancora, il desiderio di rivalsa di chi dovrebbe aiutarti

L’aeroporto è solo un ricordo e mi godo la mia bella Roma.
La adoro.

Come durante ogni mia fuga in Italia ho da fare mille cose e questa volta ne approfitto per un check-up medico in una struttura privata.

Di solito contatto la clinica via mail, ma decido di chiamare per fare prima.
“Buongiorno, ho prenotato una serie di visite via mail ma…”
“Via mail? Signora, noi non prenotiamo via mail. Cosa intende?”

Le spiego e continua a dirmi che quella non è la sua procedura, a muso duro e con voce pietosa di chi ti sta facendo un favore.

Proprio non capisco cosa dovrebbe importare a me di sapere la loro procedura. In quel tono di chi ti biasima per un nonnulla.

Ma per cosa esattamente?

Di nuovo, non capisco.

Quando mi presento alla visita la segretaria mi guarda e mi dice “Ah, lei è quella famosa”.

Rimango senza parole.

5) Il degrado

Questo punto mi fa un male esagerato.

Sono passata dall’orgoglio di vedere ed utilizzare, per la prima volta, la metro C che tanto a lungo i romani avevano desiderato al voler sprofondare 100 metri sotto terra per non dover vedere lo stato della mia città natale.

Sotto casa i cassonetti emettono un fetore allucinante, vuoti o strapieni che siano.
Passano delle persone a rovistare in mezzo a quei poveri rimasugli e lasciano tutto in terra. In quell’angolo di strada che era già pieno di ben più antica porcheria.

I marciapiedi della periferia sono giungle con piante alte più di me che sono un metro e sessantacinque.
Le spine mi graffiano le braccia. Per superare alcuni tratti devo buttarmi in mezzo alla strada e di nuovo, la sporcizia è in ogni dove.

Alla fine partecipo ad una festa del quartiere e nel mezzo di quelle bancarelle autorizzate c’è un numero esagerato di abusivi che vendono merce che, se tutto va bene, è contraffatta.

Di nuovo sembra normale così, è Roma e siamo in qualche modo abituati.

Io no, purtroppo non riesco ad accettare tutto questo e scene così le ho viste solo in determinate parti del mondo che per me non rientrano nella categoria “paesi sviluppati”.

Che tristezza Roma mia. Pensare che quando vengo da te ci vengo con il cuore che palpita e l’emozione di vedere i tuoi bei colori, persino quelli delle casone popolari.
Sapessi Roma con che sguardo butto lì che sono nata proprio tra le tue mura. Che Trastevere voleva dire estate ed il centro me lo facevo a piedi in un giorno qualunque.

Che dolore che mi fa.

Serena, Scozia

 

serena amiche di fuso 5 atteggiamenti che odio in Italia foto marciapiede

 

loading...

Author

Serena Scozia

Trentenne, expat per sfinimento, un po’ sfigata ma anche determinata e forte. Dopo aver letto troppi libri di Fabio Volo ha deciso di partire alla ricerca del Suo Posto nel Mondo. Poi Fabio Volo ha iniziato a stufarla ma lei ha continuato a viaggiare ed e’ arrivata a Melbourne assieme alla sua Metà. Una sola certezza: questo è solo l’Inizio!
Infatti ora e' in Scozia.

12 Comments

  • Che tristezza! Io aggiungerei: 6) La mentalita’ che fa si’ che tutto questo sia, non solo possibile, ma normale.

  • Serena è esattamente quello che ho pensato, e penso, ad ogni rientro a Roma.
    Un pressappochismo poi in chi dovrebbe erogare dei servivi (che ovviamente pago) mi ha lasciato sconvolta.
    Incuria, menefreghismo. Ogni volta che torno mi ricordo perché me ne sono andata e perché rispondo MAI! A chi mi chiede quando torno definitivamente.

    • MAI lo dico pure io, usando le lettere grandi.
      A volte penso che lo dico forte perche’ tanto e’ l’amore che ho provato per la citta’.
      Che peccato ma comunque questa e’ la vita che abbiamo scelte e ci funziona. 🙂

  • Serena, purtroppo questo succede non solo a Roma ma in altre citta’ e zone d’Italia. Tant’e’ che ho deciso di tornare in Italia il meno possibile… Quando degli amici stranieri mi dicono che hanno trascorso una vacanza in una cutta’ italiana mi stringo nelle spalle perche’ non so mai cosa aspettarmi…. La nostra terra resta comunque sempre nel cuore…

    • Grazie Laura, penso anche io che il degrado stia tracimando.

      Ma ti pare normale che quando mi dicono “vado a Roma” io mi senta in dovere da dir loro di star attenti a termini, ai borseggiatori, agli abusivi… ?

      Follia, davvero.

  • Io arrivo in Italia domani per due settimane di vacanza, e avverto già quel mix di sentimenti anticipatori…
    Però c’è da dire che posti e abitudini deprimenti ne ho trovati tanti anche in Australia in questi 7 anni. Forse devo ancora trovare il mio posto nel mondo?

  • Non solo a Roma…. e non solo Fiumicino! Dopo Narita (le valigie tutte belle in fila, a momenti anche lucidate… un sogno), Malpensa faceva male agli occhi… Stessa cosa ora da Londra a Torino… ok, è il mio lavoro e magari ho l’occhio più critico riguardo alla sicurezza, ma…. cavoli… esercitazioni fatte pure male dopo che sono arrivati quattro aerei da Dubai…. personale scortese… ci sono i bagni, ma se li stanno pulendo ti buttano fuori…. marciapiedi inutilizzabili, perchè puoi salirci, ma da quel punto in poi sono transennati, quindi o voli con la tua valigia o passi sulla strada, con gli automobilisti che giustamente ti tirano due resti….
    L’ultima volta, sarà perchè era estate?, c’erano un sacco di italiani sul volo… non eravamo ancora al Gate e già la voglia di tornare a casa era… volata via. L’applauso ai piloti per ora mi é capitato una volta sola, ma dài è il loro lavoro, cosa vuoi? Che sia un miracolo che centrino la pista???? Poi tutti al telefono, due parole e settemila bestemmie. Al ritiro bagagli… stendiamo un velo pietoso… tra quelli che si fanno i filmini sullo smarrimento della valigia a quelli che ti piantano su una diatriba perchè hanno la valigia uguale alla tua e han paura che gliela freghi… sto solo controllando l’etichetta, dài!
    La differenza si nota, e veramente tanto!

    Se i ragazzi ai bagagli erano stagionali, l’inglese non lo sanno, a meno che non siano furbi di loro, ma il gestore può anche non richiederlo. O forse non ne avevano voglia.

Dicci cosa ne pensi!

/* ]]> */