About

Amiche di fuso è un magazine che racconta la vita in un paese straniero, con tutte le sue difficoltà, curiosità, piaceri, vittorie e sconfitte.

Amiche di fuso è un punto di vista sul tema della vita da espatriato, una finestra aperta sul mondo per chi è curioso di conoscere la vita “vera” , pratica, non da turista.

Amiche di fuso è la storia di tante donne diverse, per provenienza, città di adozione e fuso.

Amiche di fuso vuole essere anche un punto di incontro per altre storie, per sentirsi meno soli, per sentirsi capiti, perché “se vuoi andare veloce corri da solo, se vuoi andare lontano, corri insieme a qualcuno”.

Amiche di fuso siamo noi. Siamo donne diventate amiche prima attraverso i singoli blog, e poi attraverso un gruppo Facebook ed una chat WhatsApp. Siamo presenti su tanti fusi ed in ogni continente e, chiunque abbia voglia di chiacchierare o sfogarsi, a qualsiasi ora del giorno, trova sempre qualcuna disponibile. Siamo diventate così delle vere e proprie Amiche di Fuso e dal nostro affiatamento è nata l’idea di questo magazine. Pensiamo che nel mondo ci siano tante altre persone che stanno vivendo le nostre stesse esperienze ed emozioni, o che stanno per trasferirsi altrove, o che semplicemente vorrebbero saperne di più su come si vive all’estero.

Amiche di fuso è nato ufficialmente l’1 settembre 2014.

Attraverso i social abbiamo già lanciato alcune campagne di successo sempre a tema expat come #ilmioculturalshock (da Ottobre 2014), riproposto da tanti espatriati sulla loro bacheca, e #CapisciDiessereUnExpat (da Novembre 2014), una frase tormentone a cui abbiamo legato quegli aspetti tipici e particolari facenti parte della vita degli italiani all’estero.

Amiche di fuso è la sintesi di un nostro credo secondo il quale le brave ragazze vanno in paradiso le expat vanno ovunque!

Authors

 

Alessia,Louisiana
Drusilla,Arabia Saudita
Elena,Dubai
Federica,Italia
Greta,Wisconsin
Mimma,Kuwait
Nadja,Perù
Claudia, Australia
Serena, Scozia
Valentina Houston
Valentina,Germania
Veronica,Giappone
Araba Felice,KSA

Collaborators

 

Claudia,WIsconsin
Cristina,Congo
Monica,India
Elisa,Inghilterra

 

 

22 Comments

  • Care Amiche di fuso, mi piaciono molto i vostri post e vi leggo volentieri, solo un commento … questo sito sembra aperto a tutte ma trovo poco spazio per le storie di coloro che all’estero ci si trovano per scelta personale, e da sole, invece che in familgia perche’ costretta da una non -felice situazione lavorativa ed economica in Ialia. Donne che hanno avuto il coraggio di ripartire da sole, lontano, magari partendo senza neanche un lavoro.,.,,.

    Sono una di questo ed oltre a riconoscermi nei commenti delle molte mamme all’estero a seguito di mariti expat che affrontano difficolta’ quotidiane, spesso mi sono trovate a vivere quei sentimenti contrapposti di nostalgia per l’Italia ed entusiasmo per una nuova citta’, di difficolta’ nell’affrontare la quotidianita’ da sola e vi assicuro che siamo in tante!! ecco e’ piu’ difificile affrontare tutto cio sole che in due o in famiglia…
    Mi piacerebbe ci fosse piu spazio per questo!

    ciao
    Chiara

    • Ciao Chiara, grazie di averci scritto e di essere arrivata a noi. Il tuo commento ci ha fatto molto piacere e hai detto una grande verità: esistono donne stupende e coraggiose che partono sole e si costruiscono un futuro all’estero. In realtà noi abbiamo una fantastica amica di fuso che senza un lavoro e un appoggio è andata in uno dei paesi che tutti ammirano ma pochi si rendono conto cosa voglia davvero dire partire dal nulla lì senza aiuti: è la nostra Alessia!!! ti consiglio di leggere la sua storia e i suoi post che sono davvero interessanti!
      Comunque ci piacerebbe saperne di più della tua storia: perché non ci sentiamo direttamente via email? amichedifuso@gmail.com
      A presto!

  • Nel 2003 ho lasciato la sardegna per vedere altri luoghi. Due anni in inghilterra, e quasi dieci in francia. Sola. E conosco tante donne partite sole, come me, per curiosità. Se hai voglia di provare sappi che tante e tanti lo fanno. Conoscere altre lingue, ti fa vedere con altri occhi, e ne vale davvero la pena!

  • Ciao ragazze…è stato un piacere imbattermi in questo blog…avendolo scoperto solo ora…ho molto da leggere ma sarà un piacere farlo… sono accomunata a voi..dal fatto che ho vissuto un periodo in Giappone con la mia famiglia., per lavoro….per ora ho fatto ritorno in Italia… ma rimango comunque legata a quel Paese sotto vari aspetti… ho un blog anche io ..dove racconto la mia esperienza…e trovo molto interessante questo blog…per qualsiasi domanda..chiedete pure 🙂 spero a presto!

  • Il mio post forse è un po border-line…
    Mi piace moltissimo la vostra iniziativa, ma sono un uomo e non vorrei “invadere” il vostro spazio.

    Sogno di espatriare da una vita, ma con una moglie e due figli di cui uno in piena adolescenza non so se avrò mail il coraggio di farlo. Che voi sappiate esiste una iniziativa simile alla vostra al maschile?

  • Ciao a tutte fantastiche donne nel mondo!! Che bella iniziativa e che bel coraggio! Tanta ammirazione ! Leggo che siete sparpagliate davvero un Po ovunque .. Anche in paesi più sconosciuti dal punto di vista turistico. Complimenti davvero !! Con molto piacere vi seguirò attraverso i vari social. Piacere di conoscervi !!

  • Ciao ragazze!

    Vi ho appena scoperto e ne sono già entusiasta! Brave!
    Io vivo in Austria (Carinzia) da un anno e mezzo e sono venuta qui sola soletta…e ho un blog!
    Liebe Grüße aus Kärnten!

    Laura.

  • Ciao a tutte!!Vi ho conosciuto proprio oggi!!! 😀 E’ stata una scoperta meravigliosa!!! Ho letto il post di Serena e mi ritrovo in ogni sua singola parola!!! Posso affermare che no, in questo momento sento di essere dove NON vorrei essere realmente!!! Quindi ho deciso di lavorare per mettere da parte i soldi perchè il prossimo anno voglio espatriare!!! Un saluto a tutte!!!:D

  • Proprio bello, l’avervi trovate. Adoro l’entusiasmo e l’energia pazzesca delle donne italiane. Da dieci anni vivo in Nuova Zelanda. Prima ho viaggiato e prima ancora in Germania e prima ancora in Irlanda, e in California 🙂 vagabonda un po’ per caso, un po’ per scelta…
    Grazie per aver creato questo porto gentile.
    Francesca

  • Care Amiche di Fuso,
    complimenti a tutte per questo bel blog!! Anche io sono una expat…mi sono trasferita da poco a San Francisco per amore e sto cercando di ambientarmi in questo nuovo mondo! É sempre un piacere leggervi e poter condividere con voi esperienze così diverse ma così vicine per tanti aspetti…thank you!
    Rachele

  • Una piacevole sorpresa leggere i vostri racconti di donne “scappate” dall’Italia per svariati motivi, sono anch’io una di queste, mi sono trasferita in Marocco e sto vivendo una seconda vita, peccato non l’abbia fatto qualche anno fa, comunque…meglio tardi che mai no??

  • Ma che meraviglia questo sito! Complimenti a tutte! E’ frizzante, gioioso e pieno di articoli utili e interessanti! Davvero una piacevole scoperta! Vi seguo molto volentieri! Un salutone dall’Austria!

  • Complimenti. Bellissimo magazine. Anch’io ho lasciato un buon lavoro nella comunicazione per seguire mio marito qui in Brasile, Bahia. Mi sono reinventata un lavoro, mi sto godendo i miei figli. Stiamo crescendo insieme in un paese che non è solo spiaggia e sole.
    Spero di poter tornare presto in Italia per una vacanza… La “saudade” è tanta! Tatiana

  • Ciao a tutte!
    Volevo condividere con voi la storia dell’espatrio vista da una prospettiva diversa, quella di chi resta. Il mio fidanzato ed io stiamo insieme da otto anni, di cui quasi cinque trascorsi facendo i pendolari tra Bruxelles e Varese, un anno e mezzo parzialmente sotto lo stesso tetto in Italia e oltre un anno e mezzo di relazione transoceanica (lui nel Michigan, io in Svizzera).
    Come la scelta di partire, di lasciare luoghi amati, odiati, ma comunque familiari, anche la scelta di restare ha implicazioni mica da ridere.
    Due anni fa sarei dovuta partire anche io con lui, almeno questo era il nostro progetto. Poi un intoppo burocratico per il visto con la mia azienda sponsor (la stessa per cui lui lavora, by the way, e a poche settimane dalla partenza) ed eccoci a dover prendere una decisione: seguire lui e la sua carriera, ma rinunciando alla mia indipendenza ed al mio percorso professionale per buttarmi in preda alla noia del Midwest americano oppure scegliere di lasciare andare solo lui per questa bella opportunità, inseguendo anch’io la ricerca della mia strada professionale con tutto l’entusiasmo che caratterizza il mio carattere.
    Si dice spesso che chi torna dopo un espatrio non sia più lo stesso ed è sicuramente cosi. Ma credetemi, anche io non sono più la stessa. Ho pianto tante lacrime vedendo il suo armadio di casa svuotarsi, prendendo un taxi per l’aeroporto, volendo condividere uno stato d’animo, ma sapendo che non era il giusto momento dall’altra parte del mondo.
    E’ stata davvero davvero dura, dura come non avrei pensato perchè una parola non detta ed un silenzio di troppo a distanza pesano come macigni. Ma ieri sera un’amica mi ha detto che ero diversa e che non mi aveva mai sentita così. Cosi forte, positiva, determinata nelle mie scelte, così fiera del lavoro che faccio con passione. E ho realizzato questa cosa: che forse due anni fa non ero pronta a mollare tutto e a mettermi nelle mani di un’altra persona, avevo da dimostrare a me stessa troppe cose e la razionalità di entrambi ha prevalso sui sentimenti. Avevo bisogno di trovare le conferme in me stessa, anche se spesso le cercavo negli altri, rimanendo spesso delusa.
    Adesso però sono pronta, pronta a fare una scelta di cuore, fiera di come questa storia da expat mancata mi ha trasformata. Anche io, non solo lui, sono una persona diversa, ma certamente più ricca e pronta a ricongiungere le nostre strade ovunqe sarà con grinta e con un pieno di sorrisi.
    Silvia

  • che bello trovare il vostro blog….ma come sono confusa!cercavo, letteralmente googled queste parole, ragioni per tornare in Italia con famiglia…e non so per quali strani collegamenti sono approdata qui…ed ora sto trovando piu’ motivazioni per restare dove sono o addirittura cambiare paese ma sempre estero piuttosto che tornare! ma mi conosco…passato l’entusiasmo nel vedere donne in gamba come voi passare da un a esperienza all’altra con cosi’ tanta energia tornero’ al mio ciclico lamento … credo di essere nel posto sbagliato al momento sbagliato…ma come fai a sapere qual’e’ il momento giusto al posto giusto?? aiuto please!

  • Carissime,
    nel delirio di cartoni e vendita del mobilio che credo conosciate bene, mi presento e pongo questa domanda: Elena, 47 anni, 11 di espatrio in Africa, rientro con marito e figli a Bologna perchè vogliamo offrire ai ragazzi un adolescenza a casa dove riconoscere e vivere le proprie radici. Scelta difficile sotto mille punti di vista ma che abbiamo imbracciato convinti e con molto entusiasmo. Sceglieranno in seguito poi loro dove vivere.
    La domanda è questa: che voi sappiate ci sono club di “ex-expat” in Italia? A Bologna in particolare? Gruppi di persone e/o famiglie che abiano messo su una “rete di ritorno”, per condividere l’esperienza, i vissuti, e ritrovarsi per capirsi al volo? Penso sarebbe una cosa molto importante per chi rientra, e penso anche ai miei ragazzi (11 e 14 anni, dei quali 9 fuori dall’Italia) , per i quali potrebbe non essere semplice relazionarsi esclusivamente con chi non ha vissuto la loro esperienza, e che quindi non potrebbe condividere una parte del loro spirito, ricordi o bisogno di sentirsi “simili”. Grazie per qualunque consiglio. E se questo gruppo/comunità/congrega nonc’è…chi vuole farla assieme a me? 🙂 Ciao, torno ai cartoni!!!!!

  • Ciao a tutte. Penso che sareste la mia ancora di salvezza. Il ragazzo con cui sto da 2 anni a distanza sta per essere trasferito per almeno 5/6 (con la prospettiva di rimanere per sempre negli USA) a Miami.
    Ovviamente siamo arrivati a un bivio: lasciarci o seguirlo.
    Me la sto facendo sotto, ho mille ansie e preoccupazioni (sottomissione e senso di inferiorità, sue possibili tentazioni e tradimenti, mio eventuale lavoro) ma non posso non seguirlo.
    Spero possiate aiutarmi e coinvolgermi in questo vostro progetto così da non sentirmi così pazza e irrazionale a prendere questa scelta.
    Baci a tutte.
    Marta

  • Bellissimo blog! 🙂
    per ora appartengo alla categoria ex expat…spero di togliere un “ex” di troppo a breve…e nel frattempo seguo le vostre avventure! 🙂

Dicci cosa ne pensi!

/* ]]> */