Family&Kids

Intervista ad un Marito di Fuso

Veronica Taiwan
Written by Veronica Taiwan

Il momento è arrivato, mi sono detta. Su Amiche di Fuso i temi di conversazione sono tanti, variegati e legati al tema dell’espatrio, della gestione familiare, degli shock culturali che affrontiamo durante la nostra permanenza all’estero e via discorrendo. 

Ma cosa pensano i mariti di Fuso? Cioè quegli strani, mitici personaggi dei quali spesso parliamo, ma che raramente facciamo parlare? 

Complice un marito di Fuso disponibile (il mio: Antonio, trentadue anni, pugliese doc, impiegato per una catena di alberghi che ci fa girare questo pazzo continente asiatico ormai da qualche anno) ecco cosa abbiamo chiesto a gran voce…

Come vivi la scelta di essere il responsabile di tutti gli spostamenti? 

È una grande responsabilità, specialmente con una famiglia. Ogni spostamento deve tenere conto delle necessità di ognuno di noi. Ogni volta è un terno al lotto, per quanto ci si possa preparare prima: non sappiamo mai veramente come andrà a finire, se alla fine saremo contenti o no. Si ricomincia sempre tutto da zero, o quasi, con tante difficoltà. Ma penso anche che questo ci fortifichi ogni volta di più come coppia e come famiglia.

Un uomo del sud divertente e brillante come te, in quale città si è sentito più a suo agio? 

Sicuramente Hong Kong, dove abbiamo vissuto per quasi quattro anni. Lavoravo sei giorni su sette, e per tredici o quattordici ore al giorno ma in un ambiente così bello che ci divertivamo tantissimo.

La mia personalità poteva esprimersi senza barriere e ho avuto occasione di conoscere gente di altissimo livello e di fare grandissime esperienze. Invece, per esempio, il mio essere l'”Italiano estroverso” della situazione, in Giappone ha patito molto. Non riuscivo a trovare il giusto spazio. Sempre attenti a non fare/dire cose fuori luogo, sempre attenti alla forma…sicuramente contrario al mio modo di fare e di essere.

Quanto è importante fare coppia con una donna che proviene dallo stesso ambiente lavorativo e dunque ne comprende i ritmi folli?

È essenziale, non vedrei altro modo. Quale donna capirebbe che tutte le sere si sta al lavoro e non si torna prima delle 22. Che i weekend sei al lavoro e potenzialmente finirai anche più tardi. Che durante le feste sei ancora più preso… Onestamente non so come facciano altri, che non hanno la mia stessa fortuna. Il nostro è un mondo a parte (il mondo dell’Hospitality, ndr) , anche i nostri amici provengono, in maggioranza, dallo stesso ambiente. Questo perché si va fuori a cena durante la settimana nei giorni di riposo, quando siamo tutti liberi. Il weekend si lavora tanto, raramente si organizzano uscite o incontri. Insomma abbiamo completamente altri ritmi!

Hai sempre sognato di vivere all’estero o è capitato? 

Direi che una piccola voglia di vedere cosa ci fosse fuori dal mio Paese c’è sempre stata, certo non mi aspettavo di andare dall’altra parte del mondo e che mia figlia nascesse a Taipei! Però trovo tutto questo affascinante e sono contento di come tutto stia andando. Molto probabilmente mi sarei sentito limitato se fossi rimasto a vivere e lavorare nel mio paese in Puglia.

Vorresti tornare in Italia un giorno oppure pensi a te stesso come Expat per sempre? 

Ho sempre  “mixed feelings” a riguardo, un giorno vorrei mollare tutto e tornarmene, il giorno dopo mi dico che mai e poi mai tornerò in Italia! Diciamo che se ci fosse la giusta proposta, e se ne valesse veramente la pena, torneremmo subito, ma sicuramente non sto morendo dalla voglia. In generale, direi che posso considerare un avvicinamento all’Europa, per il resto l’Italia mi va bene un paio di volte l’anno in vacanza.

Cosa ti pesa di più del vivere all’estero? 

Penso un po’ come tanti, la difficoltà di trovare i prodotti a cui siamo abituati, e, nel fortunato caso in cui si trovassero, di doverli pagare un prezzo spropositato. Per il resto la distanza dalla famiglia e dagli amici. Ogni vacanza è sempre una corsa per vedere tutti, a lungo andare sta diventando stancante. Poi da quando c’è Beatrice, la nostra bimba,  sicuramente mi dispiace che i nonni non possano godersela come vorrebbero… e lei non può vederli semplicemente quando desidera. Questo pesa parecchio…

Dal punto di vista lavorativo, in quale città hai vissuto di più il “cultural shock“?

Devo dire che appena arrivato a Hong Kong, lo shock lavorativo è stato bello grande. Abituati al nostro mondo raffinato della ristorazione gastronomica, ai modi di fare eleganti della clientela monegasca (lavoravamo entrambi nel Principato di Monaco, ndr), lavorare a Hong Kong è stato un bel trauma.

Però devo dire che è anche passato abbastanza presto e il fatto stesso di essere circondato da tantissimi stranieri ha attenuato il colpo. Invece il Giappone, nonostante i quattro anni già trascorsi in Asia, mi ha dato un grande shock di cultura sia lavorativa sia personale. Un posto come il Giappone non esiste al mondo, la loro è una cultura diversa e complessa, ed è duro adattarsi. Infatti i primi sei mesi volevo scappar via!

Crescere Beatrice senza aiuti: come senti questa responsabilità come papà? 

In generale credo che come papà le responsabilità siano grandi ovunque, ma che all’estero crescano: non esiste alcun supporto familiare, siamo noi tre e basta. Io e mia moglie prendiamo le decisioni sempre insieme cercando di darle il meglio, ma spesso non basta. È la nostra prima figlia, siamo inesperti, il timore di sbagliare è sempre fortissimo. Davanti ad una decisione cerco sempre di pensare a come sono cresciuto io, e a cosa farebbero i miei genitori nella stessa situazione, ma a volte non basta: tempi, ambiente, sono completamente diversi. Così alla fine mi affido al buon senso, e al sentimento di cercare sempre e comunque di far prevalere la sua sicurezza e la sua felicità ad ogni costo.

Insomma, grazie a mio marito e alla sua pazienza, e per fortuna che c’è lui! 

E i vostri mariti come risponderebbero a queste domande? 

Veronica, Taiwan

Loading...

Author

Veronica Taiwan

Veronica Taiwan

Amante dei viaggi e dei libri, con la mia laurea in Lingue e il mio lavoro in hotel, quando pensavo alla possibilita' di partire dall"Italia la mia immaginazione si fermava a Londra...e invece dopo due anni in Francia, nel 2011 scendo dalla scaletta di un aereo che mi porta dritta a Hong Kong, per quasi quattro anni. Nel 2014 la seconda tappa del tour asiatico: Tokyo, immensa, calma e caotica al tempo stesso. Dopo due anni nella megalopoli giapponese, nuova destinazione: Taipei, capitale dell'isola di Taiwan, Le prossime tappe rimangono avvolte nel mistero. Più a Oriente di cosi non potevo andare e cercherò di raccontarvi un po' quello che succede quaggiù.

4 Comments

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */