#expatimbruttito

7 expat da seguire su Instagram

Expat da seguire su instagram - Amiche di fuso
Written by Cristina Angola

Oggi ho deciso di presentarvi sette expat che mi piacciono. Mi piacciono per il loro essere positivi, vivaci, autentici. Gente che non ha bisogno di troppi filtri, ecco. E uno spicchio del loro mondo, lo possiamo vedere grazie a Instagram. Ma attenzione, non si tratta dei soliti noti, quelli di cui sappiamo praticamente tutto: ho scelto apposta profili in crescita, sotto i 5000 follower (o giù di lì, insomma). Perchè, personalmente, credo ne meritino molti di più!

Dall’Africa alla Francia, ecco a voi:

@Siankiki
“Per me andare, vivere e trasferirmi in terra Masai è stato naturale come bere un bicchiere d’acqua al mattino. Naturale non significa privo di ostacoli. Ma credo che arrivata ad un certo punto non avessi più scelta: o vivo qui o non vivo più” – dice in uno dei suoi post. Sorridente, sorridentissima, Siankiki ha trovato l’amore in Kenya e ha cambiato totalmente la sua vita. Ce la documenta con foto di paesaggi dalla terra rossa, con storie di bambini e di guerrieri. Per noi che leggiamo, un vero e proprio viaggio senza il bisogno di prendere l’aereo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

IN UN GIORNO D’APRILE, ALL’IMPROVVISO T’HO INCONTRATO… ✨ || Ero in Kenya per fare una working experience prevista dalla mia università. Mi stavo laureando in fotogiornalismo e per caso mi sono ritrovata a trascorrere alcuni giorni in terra Maasai. Dovendo completare alcuni progetti per gli esami di fine anno decisi che avrei fatto una serie di ritratti all’interno delle manyatte. Fu così che mi portarono da lei… ne rimasi estremamente affascinata e cominciai a scattare quasi subito. All’improvviso però arrivò suo marito, un guerriero, che con toni non proprio gentili disse che nessuno lo aveva avvisato di questa cosa e che non gradiva che io fotografassi sua moglie… io entrai subito nel panico e anche le persone con cui ero sembravano non riuscire a gestire completamente la situazione. Dopo diversi minuti di conversazione in kimaasai, di cui io non capivo nulla, all’improvviso calò il silenzio. Chiesi cosa stesse succedendo e qualcuno mi disse di aspettare, un altro guerriero stava arrivando… fu così che lo vidi la primissima volta: altissimo con quel suo passo lento, come se cavalcasse la terra rossa. Avevo il capo completamente coperto dalla shuka e potevo vedere soltanto i suoi occhi, i suoi meravigliosi occhi. Arrivò e sentii subito un bisogno… un dovere, un richiamo. Dovevo conoscere quel volto, dovevo e volevo vederlo. Si presentò, parlò con l’altro guerriero continuando a guardarmi dritto negli occhi… e a quel punto gli altri mi dissero: “ok ok, iko sawa! Piga picha!”, va bene, è tutto ok, fai le foto! Non capivo… cosa è successo? Chiesi spiegazioni. Quel ragazzo mi aveva aiutata… aveva spiegato chi ero, e quali erano le mie intenzioni… senza nemmeno conoscermi! Senza sapere niente di me o di cosa stavo facendo! Ero incredula, imbarazzata, felice, grata e… innamorata persa. Convinse così tanto il suo amico che venivo in pace che riuscii a fotografare lei, Isaiah e anche l’altro guerriero. Dopo aver finito Isaiah mi accompagnò per un pezzo di strada, scattammo quella famosa foto insieme e poi, andando via, si voltò e mi disse solo: “ci vediamo!”. Ecco, se chiudo gli occhi, ora, io ancora lo vedo… ancora posso assaporare quel momento.

Un post condiviso da ʟᴀ ᴍɪᴀ ᴠɪᴛᴀ ᴛʀᴀ ɪ ᴍᴀsᴀɪ 🦒 (@siankiki) in data:


@martinoexpress
Architetto. Expat in Cina. Lǎowài. Ossia straniero. Un libro all’attivo, si definisce “Creativo di natura, indissolubilmente votato alla causa del futile, banalizzatore seriale, devoto della carbonara e dei social network, blogger domenicale e scrittore notturno”. Le sue stories sono fortissime, seguitelo in Oriente!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Bianconiglio sei tu?

Un post condiviso da Martino (@martinoexpress) in data:

@growing_up_italian
Nata a Perugia, da anni vive a Maui, alle Hawaii. Vi suona famigliare? Forse sì, perché Rosa l’abbiamo ospitata qui su Amiche di Fuso un po’ di volte: la sua passione è la cucina e il suo account instagram è… una tortura, soprattutto se lo guardate a stomaco vuoto! Piatti bellissimi e sicuramente altrettanto buoni: per un assaggio (ahimè, virtuale) delle sue ricette, cliccate qui e qui.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

My blood orange #portokalopita 🍊🍊🍊🍊 is chillaxing until tomorrow. Stay tuned for my recipe!

Un post condiviso da Growing up Italian (@growing_up_italian) in data:


@mywandercoffee
Lei è Chiara e vive a Zurigo. Con le sue foto la città sembra così bella che ti viene voglia di trasferirti. Il freddo svizzero ce lo racconta con i toni caldi delle foglie autunnali, colazioni gustose, e tante tazze di caffè bollente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

A three years old is kind of having a blender, but you don’t have a tap for it. 7 years ago, Mother Nature ‘tricked’ us by gifting our family a gorgeous and calm little boy so that we started thinking about a second child. And after a while (Tatiana hang in there 😘), B arrived. Although we’re def having a better time now, B requires a great patience: tantrums, cryings and all that jazz are ordinary aspects of our daily life. Because I was like her when I was a child (thanks Karma), I know I must teach B the happiness that comes from the inside. How to? By saying simple phrases that help her feeling loved and strong and important. 1. I love you 2. I am here with you 3. You make me happy (make them feel valuable) 4. I’m proud of you (they need to hear when they do something good) 5. I will help you work it out It’s something very simple that works so well, but you need time. With patience comes patience: this I’ve learned with B 😊 And you, is there something you like to say to your children during the day in order to create a better bond and instill happiness? After that strong coffee or two, of course! 😜 #mywandercoffee

Un post condiviso da Chiara | My Wander Coffee (@mywandercoffee) in data:


@diquaedila
Fino a non troppo tempo fa era expat in Olanda. I tulipani, le biciclette, le casette riflesse nei canali. Oggi Stefania è tornata in Italia, ma ha sempre tante storie da raccontare, storie che hanno protagonista Viola, la sua bimba, e i viaggi: Stefania, con il suo Di qua e di là, è anche una delle mie travel blogger preferite.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ci siamo, infatti diluvia🤣: ho fatto uscire l’itinerario del nostro On The Road di una settimana nell’Inghilterra del Sud 💪🏻🌧 Dopo tanta fatica, spero di essere utile a qualcuno! È stato un viaggio bellissimo, non economicissimo ma assolutamente da mettere in lista! Sapevo che questa parte d’Inghilterra fosse verde, ma non mi aspettavo tanta immensità, devo ammetterlo. * * * Cosa troverete? ✏️Itinerario con tappe ✏️Info su percorrenze e costi ✏️Curiosità e info utili a misura di bambino! #familytraveler #livethelittlethings #iamatraveler #momofagirl #wanderlust #nothingisordinary #livecolorfully #awesomeglobe #places_wow #thatauthenticfeeling #thewomoms #ourchildrenphoto #instamamme #mamxmam #instagram_kids #notonlymama #womoms_official #pixel_kids #makeportraits #littleandbrave #girlmom #thehappymom #teammotherly #unitedmothehood #childrenseemagic #darlingmovement #cameramama #passionforthemotherhood

Un post condiviso da STEFANIA POZZI • diquaedila.it (@diquaedila) in data:

@Mammacongelo
Mamma sopravvissuta ai freddi inverni canadesi (quando si parla di -30° va ancora bene l’aggettivo ‘freddo’ o meglio qualcos’altro?), ora vive a Parigi con i suoi due bimbi. Ama viaggiare e, sul suo account Instagram, racconta con ironia, vivacità e pennellate di colore frammenti delle sue giornate. Insomma, con lei non ci si annoia di certo!

@ bonjour_giulia
Illustrazioni, scarabocchi, e qualche foto dalla Francia. Così dice la bio del suo profilo. Ma sapessi io scarabocchiare così: il profilo di Mariagiulia è pieno di disegni simpaticissimi, dalle tenui tinte pastello. Dedicato a chi cerca un po’ di dolcezza tutti i giorni! Mariagiulia sta cambiando profilo e ha recentemente creato da zero un nuovo account.

Che ne dite? Chi è il vostro instagrammer preferito (oltre a noi, si intende)? 😉

Cristina, Angola

Loading...

Author

Cristina Angola

Expat da ormai 7 anni, prima a Londra, poi in Congo e ora in Angola. Gli altri 30 nella Pianura Padana. Viaggio con il marito, un labrador nero, uno gnomo di pezza. Durante i miei anni africani sono riuscita a finire una volta in TV e un'altra in una (specie di) prigione. Ma non per lo stesso motivo.
Parlo (quasi) 5 lingue, il film che amo di più è Lost in Translation, spendo decisamente troppo in libri, non disdegno la pizza hawaii e - tenetevi forte - adoro, ma proprio ADORO stirare. Il mio sogno? Tornare alla base, che non è l'Italia ma è Londra, l'unico posto dove mi sento veramente a casa. Il resto di me su Drive-mycar.com, il mio travel blog.

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */