Family&Kids

Molto forte, incredibilmente vicino

Avatar
Written by Mimma Kuwait

Ho il cuore colmo di gioia.
Sul mio viso un sorriso che quasi paralizza.
Sono corsa a svegliare Giada, che si era appena assopita.
La sua amichetta del cuore, quella che non ha mai dimenticato, quella che sogna spesso, l’ha chiamata con messanger e io non potevo farle perdere questa opportunità.

Ma la telefonata di Olive Rose è stata solo l’ultima, incredibile sorpresa, di una giornata pazzesca.
Il compleanno di mia figlia se lo sono ricordati in tanti.
Non solo Olive, ma anche Charlene dall’Australia. Il suo messaggio l’ho trovato alle sei del mattino, appena svegli. E anche Cathy dall’Oman e Carola dalla Svezia si sono ricordate.
Ma anche tutti i suoi, nostri, amici sparsi per l’Italia.

 

E’ stato un susseguirsi di messaggi scritti o in video.
Tutti quanti si sono ricordati del suo ottavo compleanno.
Immagino si possa comprendere la mia gioia.
Ma anche il mio stupore.
Non era mai stato così, mai così dirompente.
Che tutti quelli con cui abbiamo condiviso un pezzetto di vita in Kuwait, si siano ricordati del compleanno mi ha riempito il cuore di gioia.
Mi hanno stupito sopratutto gli stranieri, con cui spesso, una volta andati via, si ha paura di perdere i contatti.
L’affetto l’abbiamo sentito molto forte, incredibilmente vicino.

Sì, l’amore, l’affetto, l’amicizia ed i sorrisi le sono giunti da ogni dove.
Lei era felice, ma da suo punto di vista nulla di nuovo, perché è abituata a ragionare come se il mondo fosse tutto lì a portata di mano.
E’ abituata a parlare attraverso uno schermo.
E’ abituata ai saluti.
Eppure per la prima volta io ho sentito il pregio di tutto ciò.
Non solo le difficoltà di questo tipo di relazioni.
Ho capito che quando condividi qualcosa come persona straniera in una terra straniera che chiami però casa, ti rimane cucito addosso un filo che ti unisce, che è molto facile riavviare.
Allo stesso modo quando torni in Italia vivi con trasporto ogni singolo momento che passi insieme agli altri e tutto diventa più prezioso.

Molto forte incredibilmente vicino.

E’ stato il più bel compleanno che mia figlia potesse avere.
I tanti auguri sono stati meglio di qualsiasi regalo immaginabile.
Meglio di qualsiasi viaggio.
Sentirsi pensato, amato e ricordato è importante.
Sopratutto se cresci senza radici.

Ha rafforzato ancora di più la mia volontà di investire nei rapporti.
Anche se so che poi probabilmente ci divideremo.

Sono corsa a segnarmi i compleanni di tutti gli amici. Io sono regina da sempre in questo. Ci ho sempre tenuto, ma ora il numero si è esteso, ed è più complicato.

L’affetto molto forte, incredibilmente vicino è quello che voglio far provare  a tutti.

“Pensa! Quante persone entrano ed escono dalla tua vita! Centinaia di migliaia! Uno deve tener la porta aperta, così possono entrare! Ma possono anche uscire!”
JONATHAN SAFRAN FOER

E voi avete mai avuto esperienza simili?

Avevo sentito l’affetto molto forte, incredibilmente vicino anche se invece  era lontano?

Mimma, Kuwait

Loading...

Author

Avatar

Mimma Kuwait

Giovane quarantenne, mamma di una very funny girl, partita per amore per Kuwait City al grido di “oh poverina” e “ma non ti annoi” sono riuscita a realizzare una grande impresa in mezzo al deserto: trovare il mio vero io. Terrona, comunicativa, pr, scrittrice, sostenitrice della forza del pensiero positivo e grande estimatrice dell’amicizia tra donne di tutte le razze, lingue ed età.

1 Comment

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */