Food

Come organizzare una cena con menu thailandese

Written by Federica Italia

Diversamente dalla cucina cinese che non è stata una piacevole conferma nel mio espatrio in Cina, la cucina Thailandese ha confermato la sua giusta fama. Non ho amato tutto indistintamente, ma tante sono state le pietanze che sono, ancora oggi, fra i miei piatti preferiti in assoluto.

La cucina thai è infatti molto più vicina ai nostri gusti occidentali di quanto lo sia quella cinese autentica, che è ben diversa da quella che troviamo nei tanti ristoranti cinesi in Italia.

La cucina thailandese infatti deriva dall’unione della cucina tradizionale con altre cucine che l’hanno notevolmente influenzata come quella cinese, indiana, portoghese, araba e persiana. La Thailandia si trovava infatti proprio sulle rotte marittime del commercio fra Oriente ed Occidente ed è stata quindi contaminata dalla cucina dell’est come da quella dell’ovest. Lo stesso curry in Thai, pur avendo fra gli ingredienti alcune spezie indiane, diventa ben diverso ed inconfondibile per l’aggiunta di ingredienti tipicamente thai come la citronella, il basilico thailandese e il galangal.

Quando leggo i resoconti di viaggio di chi è stato in Thailandia, non manca mai un apprezzamento per la cucina. Così ho pensato di preparare un piccolo menu per permettere a chiunque di organizzare una cena con menu thailandese.

Sono ricette con cui io stessa mi sono misurata in Thailandia. Prima partecipando ad un piccolo corso durante un soggiorno a Koh Chang e poi sperimentandole più volte mentre vivevo in Thailandia. Lì ovviamente non era un problema procurarmi tutti gli ingredienti al mercato mentre in Italia è un po’ più difficile anche se ormai molti prodotti sono presenti nelle grandi catene di supermercati o nei negozi etnici. È anche possibile trovarli in vendita online.

Potreste però non aver voglia di comprare tutto ciò che occorre nelle ricette dato che per preparare un piatto in modo tradizionale occorrono almeno 12 ingredienti! Per questo avevo preparato per il mio blog un articolo su come sostituire alcuni ingredienti. Articolo che è uno dei più letti in assoluto e che mi fa pensare che sia un’esigenza molto sentita!

Come organizzare una cena con menu thailandese

Come sa chi ha viaggiato in Oriente, una cena thailandese tipica consiste di diversi piatti non suddivisi come in Italia fra antipasti, primo e secondo. Le pietanze infatti vengono servite tutte insieme al centro del tavolo in quanto sono da condividere fra tutti i commensali. I piatti dovrebbero essere sempre in numero uguale o maggiore al numero dei partecipanti al pasto. Per questo i Thai amano cenare in gruppo! Sempre presente ed importante è il riso bianco cotto a vapore che è l’unico che spesso viene servito ad ogni commensale in un piatto tutto suo ed ha un po’ la funzione del nostro pane. Ogni commensale poi prenderà ogni pietanza dai piatti comuni accompagnandolo con il riso.

I quattro sapori tipici della cucina Thai (salato, dolce, agro e piccante) devono essere tutti presenti e ben bilanciati. A tavola saranno quasi sempre presenti una zuppa, un piatto a base di riso, uno o più piatti di carne o pesce (i thai li servono insieme senza problemi), qualcosa di fritto e uno o più piatti di verdura saltata e un’insalata. Di solito dopo il pasto viene servita della frutta già affettata e, più raramente un dessert a base di frutta, riso o gelatina.

Questo menu che ho preparato è molto più ridotto perché essendo i piatti thai spesso da preparare quando gli ospiti sono già seduti a tavola, per la prima volta è meglio fare poche pietanze. Mano a mano che diventerete più pratici, potrete cimentarvi in menu più ricchi. Ho previsto un’insalata che può essere preparata un po’ prima, un riso ed un piatto di carne che vanno cucinati all’ultimo momento.

Insalata Thai di papaya verde

È un piatto velocissimo ed è l’insalata più famosa in Thailandia che troverete servita ovunque. La papaya verde è perfettamente sostituibile con la mela verde quindi può essere fatta anche se non la trovate.

Ingredienti:

150 grammi di papaya verde (in sostituzione mela verde)
4 pomodorini rossi
30 gr di arachidi
1 peperoncino essiccato
1 spicchio d’aglio tritato fine (omettete se non vi piace)
20 grammi di gamberi essiccati (facoltativo, io la faccio senza)

Per il condimento:
2 cucchiaini di zucchero o 1 cucchiaio di miele
2 cucchiaini di salsa di pesce
succo di un lime (o mezzo limone)
una grattugiata di scorza di lime

Tostate le arachidi in una padella a fiamma bassa, senza farle annerire.
Sbucciate e tagliate a metà la papaya. Togliete i semi interni e tagliatela a julienne.
Tagliate anche i pomodorini, togliete i semi e tagliateli a strisce.
Preparate la salsa per il condimento miscelando tutti gli ingredienti (salsa di pesce, succo di lime, zucchero).
Pestare in un mortaio l’aglio ed il peperoncino e schiacciare finché non è tritato finemente. Usate il mixer se non avete il mortaio.
Nel mortaio aggiungete anche la papaya e i pomodori pestando e mescolando delicatamente per qualche istante. Aggiungere noccioline tostate e, se li gradite, i gamberi essiccati.
Condire con la salsa, mescolate e servite!

Riso saltato con i gamberi

Ingredienti:

5 ciotole di riso già cotto e raffreddato
12 gamberi puliti
4 uova
2 cipolline fresche
2 spicchi d’aglio
4 cucchiai di olio di semi di arachidi per cuocere

Per condire:
5 cucchiai di ketchup
3 cucchiai di salsa di soia leggera
1 cucchiaino di zucchero
un pizzico di pepe

Come sempre nelle ricette Thai, preparate prima tutti gli ingredienti perché la cottura avviene molto velocemente ed è meglio avere tutto pronto e a portata di mano.
Unire ketchup, soia e zucchero per la salsa in una ciotola e mescolare.
Lavare la cipollina, gambo e foglie comprese, e tagliarla fine.
In una padella grande o in un wok su fiamma media mettere l’olio.  Appena è caldo aggiungere gli spicchi d’aglio tagliati a metà. Nella ricetta originale sono tritati, ma io preferisco lasciarlo a pezzi perché altrimenti è facile bruciarlo.
Appena l’aglio è dorato, aggiungere le code di gambero e cuocerle per 2 minuti.
Intanto rompere le uova in una ciotola e mescolarle leggermente per rompere i tuorli.
Aggiungere il riso cotto, freddo e ben sgranato ai gamberi e aggiungere immediatamente anche le uova alzando un po’ la fiamma. Mescolare in modo che le uova si dividano in piccoli straccetti. Appena è tutto ben miscelato aggiungere il condimento mescolando ancora per 2 minuti. L’uovo deve essere cotto ed il riso quasi asciutto, ma non secco. Appena spenta la fiamma, aggiungere l’erba cipollina e servire subito.

Pollo con gli anacardi saltato in padella

È il piatto che mangiavo sempre al ristorante perché lo adoro. Ed è anche semplice e veloce.

Ingredienti:

350 grammi di petto di pollo, tagliato sottile e a piccoli pezzi
1 cipolla piccola
4 cipolline fresche
1 peperone piccolo rosso o giallo
1/2 bicchiere di anacardi
mezzo bicchiere di brodo di pollo o vegetale (solo acqua se non lo avete)
2 spicchi d’aglio
2 cucchiai di salsa d’ostrica
1 e 1/2 cucchiaio di salsa di pesce
1 cucchiaio di salsa di soia scura
un po’ di farina
1/2 cucchiaino di zucchero
2 cucchiai di olio di semi di arachidi

Come detto sopra, preparate prima tutti gli ingredienti.
Tagliare quindi a metà per il lungo i peperoncini secchi, togliere semi e parti bianche e tagliare a pezzetti di circa 3 cm. Se non li avete secchi, li potete usare anche freschi.
Tagliare il peperone in pezzetti di circa 3 cm x 3 cm e la cipolla in piccoli spicchi. Tagliate la testa delle cipolline con un po’ di gambo e poi tagliarle a metà. Tagliate il resto del gambo a pezzetti di circa 3 cm.
Tritate l’aglio o, come preferisco io, lasciate gli spicchi interi e poi toglieteli per non correre il rischio che si bruci.
Passate i pezzetti di pollo nella farina.
Preparate il condimento unendo salsa di soia, salsa di ostriche, salsa di pesce, brodo e zucchero.
Con tutti gli ingredienti preparati e a portata di mano iniziate a cuocere.
Saltate in padella gli anacardi con pochissimo olio a fiamma bassa senza bruciarli. Togliete e mettete su carta assorbente.
Saltate i pezzetti di peperoncino con mezzo cucchiaio d’olio a fuoco medio per pochi secondi senza bruciarli. Togliete e mettete su carta assorbente. Se usate peperoncini freschi, cuocete di più mescolando finché non saranno un po’ secchi
In una padella con 1 cucchiaio e mezzo d’olio mettete l’aglio intero o tritato.
Subito dopo aggiungete il peperone mescolando spesso. Dopo 3/4 minuti aggiungete il pollo, dopo 3 minuti la cipolla, dopo altri 3 minuti bagnate con la salsa e mescolate velocemente per 1 minuto. Aggiungete il peperoncino, gli anacardi e le cipolline e i gambi a pezzetti e spegnete subito per non fare afflosciare quest’ultimi. Servite subito!

Vi rimando alle ricette sul mio blog perché ci sono all’interno diversi approfondimenti utili ed interessanti:

Insalata Thai di papaya verde, frutto dalle tante proprietà

Riso saltato con i gamberi e i segreti per un buon “Thai fried rice”

Pollo con anacardi e i segreti dello “star fried”

Pronti a cimentarvi??

Federica, Italia

Loading...

Author

Federica Italia

Sei anni vissuti fra Cina e Thailandia al seguito di mio marito. Con noi i nostri due bimbi dei quali uno è nato in Cina, luogo che rimarrà per questo sempre a noi caro. Il mio amore per l'Oriente continua, ma ora stiamo affrontando con energia la nostra nuova vita italiana. Appena posso continuo a guardare il mondo con occhi curiosi, di solito dietro all’obbiettivo della mia Canon. Adoro leggere, scrivere e condividere il mio mondo attraverso il mio blog personale mammainoriente.com e le mie fotografie.

1 Comment

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */