Guests

Ricominciare con la famiglia in UK di Elena

Avatar
Written by Guest
L’espatrio è fenomeno che sta coinvolgendo non solo giovani ( come Cristina) ma anche famiglie con bambini che cercano e vogliono qualcosa di diverso da quello che hanno in Italia. Un futuro migliore, un lavoro migliore, un’educazione scolastica se non migliore almeno diversa da quella offerta in Italia. E ci vuole un gran coraggio a scommettere su tutta la propria famiglia: Elena è partita da poco più di un anno e ha avuto il suo lieto fine che le auguriamo sia uno splendido inizio. 
Ho 44 anni, vivevo a Milano, sposata con un British che per 10 anni ha insegnato inglese in proprio in Italia. E questo è stato uno dei motivi che ci ha spinto a cercare fortuna in UK: l’impossibilità di migliorare dal punto di vista lavorativo e le tasse che si pagano per una piccolissima attività.
Quindi a luglio 2015 abbiamo lasciato Milano, il suo lavoro, il mio lavoro – che non amavo ma che era ben pagato – ci siamo trasferiti nel nord Inghilterra, con due bambine piccole, entrambi senza lavoro.
Abbiamo trovato casa per “procura”: un’amica è andata a vederla per noi e ci ha dato il via libera.

Siamo entrambi partiti con una buona conoscenza dell’inglese (ndr lui madrelingua) e con delle esperienze lavorative alle spalle che abbiamo potuto rivendere, inoltre io parlo anche tedesco e spagnolo.

amiche di fuso
Un po’ di fortuna ci ha assistito: mio marito ha trovato lavoro immediatamente nel suo campo (legale), dopo nemmeno due mesi dal nostro arrivo, nonostante per dieci anni non avesse esercitato. Io dopo 3 mesi.
Luglio e Agosto abbiamo ospitato suoi ex studenti che volevano perfezionare l’inglese, e da settembre/ottobre eravamo tutti sistemati.
Ci siamo dati da fare parecchio per ottenere questo risultato, abbiamo esplorato tutte le possibilità, ma posso dire che in UK ho trovato le cose abbastanza semplici, meno nebulose rispetto all’Italia.
Non ci sono stati particolari shock culturali, le bambine si sono inserite bene, la lingua per loro non era un problema.
Abbiamo fatto nuove amicizie e ritrovato vecchi amici di mio marito.
Un aspetto “negativo” che ho trovato qui? Pensavo che il mercato del lavoro fosse piu’ mobile. Ma dopo circa 15 mesi all’estero posso fare un bilancio positivo della mia scelta infatti 4 mesi fa abbiamo comprato pure una casa.
Il prossimo obiettivo? Prendere il Diploma in Accountancy e poi specializzarmi ulteriormente.
Elena, UK.
Immagine anteprima presa da Unsplash
 
Loading...

Author

Avatar

Guest

Se anche tu sei come noi una #adieffina per il mondo, alle prese con nuove abitudini, costumi, lingua e fusi sei la persona che fa per noi. Raccontaci la tua storia, chiacchiera con noi, allarga i nostri orizzonti. Questo spazio è tutto per te .

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */