Senza categoria Vivere all'estero

Il lusso della scelta

Pianificare. Su questo verbo ci inciampo spesso, un po’ per indole, un po’ per deformazione professionale.

Da quando sono arrivata in Germania potrei poi pensare di tatuarmelo sulla fronte, tanta è la mania di programmazione che aleggia nella vita quotidiana di questo Paese. L’imprevisto? Uno sconosciuto, o meglio ancora una variabile superflua all’interno di una formula irrimediabilmente infallibile.

A volte mi fermo e un po’ ci ragiono su cio’ che mi sono trovata a fare qui. Oggi ad esempio ho fatto una delle cose più controverse che si possano pensare. Mia figlia ha appena iniziato a scalciare nel pancione e la sto iscrivendo, sotto un nome ancora indeciso e un cognome più sicuro, a sette asili nido nelle vicinanze del nostro appartamento. SETTE. E sarebbero ancora pochi.

Insomma per farla breve: non so ancora che colori, che sorriso, che voce avrà questa bimba, e “mi permetto di decidere già il suo prossimo futuro.
A pensarlo cosí, mi sento un mostro.
Eppure, come tanti genitori lavoratori presenti qui a Monaco di Baviera, in erba o meno, decidere di formare una famiglia implica dover cambiare velocemente di registro e tendere le antenne nell’evitare leggerezze cruciali.

Nel mio articolo “Una giungla chiamata Monaco di Baviera” ho accennato brevemente a questo tema: moltissimi tedeschi e stranieri ambiscono da sempre vivere in questa città.
Monaco mantiene saldi alcuni parametri fondamentali: la bellezza e la cura dei suoi parchi, il decoro e la sicurezza dei suoi spazi pubblici, l’efficienza e la pulizia del suo sistema di trasporto (nonostante i sempre più frequenti problemi infrastrutturali e cantieri di mantenimento).

A Monaco il lavoro non si fa cercare, diciamo che ci inciampi sopra volente o nolente. Un po’ di conoscenza della lingua, capacità di mettersi in gioco ed esperienza permettono a tutti di trovare un’occupazione che garantisca un’entrata fissa mensile, sicura ma purtroppo non sempre commisurata al costo della vita in costante aumento. La fila per una stanza , non vi dico per un appartamento è il primo grande stress di benvenuto per i nuovi arrivati in questa città, training per quella che sarà la prossima grande maratona: la ricerca di un asilo nido per il proprio figlio.

A Monaco sono presenti circa 1.400 strutture tra asili nido, scuole materne semplici o integrate. Sempre più strutture ad iniziativa privata aderiscono ad una convenzione comunale grazie alla quale le rette mensili vengono notevolmente ridotte. Senza contare tutti gli aiuti statali e regionali alle famiglie, che aiutano la copertura finanziaria di questo costo in molti casi necessario per un celere ritorno della madre sul posto di lavoro.

Peccato che, d’altro canto, l’infrastruttura educativa sia in difetto rispetto alla domanda attuale e che molte famiglie debbano attendere oltre l’anno d’età del loro figlio per avere un posto nido assicurato (notasi che la maternità pagata dura in Germania massimo 14 mesi).
Questa problematica spinge molti genitori a inserire il nominativo del proprio figlio nelle liste d’attesa già dai primi mesi di gestazione, mossa necessaria ma non sufficiente, dato che – prima del Covid naturalmente – ho dovuto presentarmi comunque a innumerevoli giornate delle porte aperte, chiedere appuntamenti privati, o martellare lo sventurato asilo nido di telefonate penose.

Se la corsa al nido rimane difficoltosa, quella alla scuola materna diventa leggendaria. Tutte le famiglie le cui madri hanno deciso di rimanere a casa fino al terzo anno di età del figlio (in Germania si può conservare il posto di lavoro fino a questo limite temporale) si aggiungono alle sciagurate che devono spostare i propri da nido a materna, generando una moltiplicazione di richieste a fronte di posti sempre limitati.

A volte ce la fai, a volte rimani col respiro corto (e il posto di lavoro in bilico).
Non pochi infatti sono i casi di famiglie trovatesi improvvisamente allo sbaraglio, come quella di una coppia di amici cui, chiusosi l’asilo nido a giugno per problemi di gestione e privi di assistenza da parte del Comune (si, avete capito bene, e oltre a loro circa una ventina di famiglie lasciate sulla strada senza un‘alternativa possibile) hanno dovuto martellare gli uffici ministeriali e comunali di telefonate disperate, fino a risolvere il tema con una tremenda discussione e – finalmente- la risoluzione del loro caso in un asilo a trenta minuti da casa.

Questa problematica è in discussione da vari anni e il Comune sta promuovendo un piano di finanziamento fino al 2022. Più finanziamenti agli asili nido e alle scuole materne di Monaco gioverebbero non solo ai fini dell’apertura di nuove strutture, ma anche alla stabilizzazione di quelle esistenti, spesso sacrificate in mezzi e personale, quest’ultimo sottopagato in proporzione all’importanza del servizio e – nota da non dimenticare – al costo della vita sempre più proibitivo in questa città.

Alla luce di questa esperienza un messaggio mi è arrivato chiaro: in Germania ho trovato la stabilità professionale ma ho abbandonato (almeno in questa città) il lusso della scelta. Quella sensazione di poter decidere il meglio per i miei figli sarà quasi sempre condizionata dalle energie e, dicendolo con estrema schiettezza, dalla quantità di risorse economiche che saremo in grado di mettergli a disposizione. Potrebbe funzionare meglio questo sistema? Dati alcuni presupposti, direi di sí, ma solo con un vero impegno da parte delle amministrazioni locali a legittimare questo settore cosi’ fondamentale non solo a fini educativi, ma anche sociali per il rientro di tanti genitori sul loro posto di lavoro.

Anche nelle vostre città o metropoli di residenza state riscontrando lo stesso problema?
Cosa pensate possa essere migliorato per garantirvi una vita “più facile”?

Alessandra, Monaco di Baviera

Loading...

Author

Alessandra Monaco di Baviera

Alessandra Monaco di Baviera

Italiana di nascita, cittadina europea, Alessandra vive dal 2012 nella bella citta’ di Monaco di Baviera in Germania. Qui lavora da otto anni come architetto e trascorre le sue giornate dividendosi tra ufficio e cantieri. Circa tre anni fa dice si ad un nuovo progetto, quello della sua famiglia, e diventa mamma di un piccolo terremoto che colora le sue giornate di miriadi di pasticci e risate argentine. Nel 2019, rispondendo a una personale necessita’ di mettere le proprie esperienze di emigrata nero su bianco, comincia a pubblicare i propri articoli sul web, inaugurando una nuova, lunga fase di racconti sulla propria quotidianita’. Per conoscerla ancora piu’ da vicino la trovate su theitalianpot.com.

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */