Vivere all'estero

Natale, Skype e bambini di Fuso

Veronica Cina
Written by Veronica Cina

Dicembre si avvicina mentre scrivo questo post. Lo leggerete sicuramente quando l’atmosfera sarà già incandescente, le decorazioni un po’ ovunque e le canzoni faranno da sfondo ad ogni acquisto. Mamme e nonne saranno alle prese col menù di Natale.

Qui a Shanghai sarà un po’ più malinconico: ci saranno decorazioni, alberi di Natale, negozi e vetrine piene di oggetti festivi e abbigliamento rosso. Ma in realtà nulla della nostra atmosfera sarà presente.

Io aspetto con ansia l’accensione dell’albero di Natale nel nostro condominio per portarci la bimba, anche se poi la mattina del 25 Dicembre dovrà comunque andare a scuola.

Non siamo mai tornati a casa a Natale. Il lavoro di mio marito finora non l’ha mai permesso, ed io non sono mai voluta andare via senza di lui in questo periodo. Meglio soli in due, insomma (ora in tre!).

Ogni anno, mentre la maggior parte degli stranieri postava selfie dall’aeroporto all’avvicinarsi del 20 dicembre, noi ci siamo sempre arrangiati, abbiamo sempre festeggiato a modo nostro, a volte con qualche altro superstite.

Ma ora che c’è la bimba? Come si fa? Nonni e bisnonne fremono per vederla, ancor di più in questo periodo dell’anno.

E allora c’è Skype, la manna dal cielo di ogni espatriato, migrante, immigrato, chiamatelo come volete (almeno a Natale, non facciamone una questione di concetto, vi prego).  Lo amiamo tutto l’anno, ma soprattutto ora, che ci fa sentire meno soli in città, come spesso accade in questo lato del mondo. Perché qui Natale è solo un cumulo di decorazioni e ghirlande, o una scusa per fare shopping o mangiare un menù alla francese in un ristorante stellato.

Benedetto sia Skype, perdonatemi la blasfemia, perché vedere il presepe e la nonna che spignatta dall’altra parte dello schermo un pochino forse fa male, ma anche bene. Perché la mia nonna, proprio lei, quella che spignatta, emigrante (espatriata, migrante, vedete voi) negli anni Sessanta in Francia, mi racconta sempre che a quei tempi c’erano solo le lettere. E se stavi a Parigi, ancora andava bene, in qualche settimana forse arrivavano gli auguri. Se stavi in America… ti armavi di pazienza.

E dunque a voi, che state in qualche città come la mia, auguri! Saremo in pochi rimasti, ci guarderemo forse “Una poltrona per due” e quei pochi sparuti che andranno ad una messa di Natale si sorrideranno un po’ di più. E poi a casa, a connettersi su Skype!

Buon Natale!

Veronica, Cina

 

Loading...

Author

Veronica Cina

Veronica Cina

Amante dei viaggi e dei libri, con la mia laurea in Lingue e il mio lavoro in hotel, quando pensavo alla possibilita' di partire dall"Italia la mia immaginazione si fermava a Londra...e invece dopo due anni in Francia, nel 2011 scendo dalla scaletta di un aereo che mi porta dritta a Hong Kong, per quasi quattro anni. Nel 2014 la seconda tappa del tour asiatico: Tokyo, immensa, calma e caotica al tempo stesso. Dopo due anni nella megalopoli giapponese, nuova destinazione è Taipei, capitale dell'isola di Taiwan, che rimarrà nei nostri cuori: qui è nata Beatrice, la nostra bambina. A inizio 2019 siamo arrivati a Shanghai; le prossime tappe rimangono avvolte nel mistero. Più a Oriente di cosi non potevo andare e cercherò di raccontarvi un po' quello che succede quaggiù.

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */