Novità dal mondo

News dagli Emirati Arabi

News degli Emirati Arabi
Avatar
Written by Mimma Kuwait

Gli Emirati Arabi Uniti sono luoghi che generano sempre forti sentimenti, idee e commenti.
In particolare Dubai, o la ami o la odi. Ogni volta che si parla di Dubai, soprattutto da parte di chi non ci vive, ci sono tante reazioni.
C’è chi la idealizza, ma girano anche tanti stereotipi e pregiudizi.

Da parte mia, sono molto affascinata dall’operare degli Emirati Arabi, dal sentire sempre parlare di futuro, dal poter usufruire di incredibili facilitazioni in ogni ambito e dalla sicurezza.

Oggi vi voglio raccontare alcune grandi novità degli Emirati Arabi Uniti.

I residenti stranieri del paese possono ottenere la cittadinanza degli Emirati Arabi

Il processo prevede che, funzionari e governanti del paese, possano dare la cittadinanza alle persone più talentuose in determinati ambiti. Scienziati e inventori riconosciuti a livello internazionale, così come medici, specialmente quelli nei settori ad alta richiesta.
Sono ammessi anche artisti, creativi e intellettuali di sufficiente fama. Un riconoscimento del fatto che la vitalità di una società va oltre la sua semplice competenza tecnica.

Si tratta di una importantissima modifica, soprattutto in questa parte di mondo. Basti pensare che la cittadinanza non è riconosciuta al coniuge straniero uomo di una cittadina e ai figli nati da questa unione! Mentre è possibile ottenerla per una cittadina straniera spostata con un locale.

Il ministro di Stato Zaki Nusseibeh, ha collegato la creazione delle nuove leggi alla cultura della tolleranza degli Emirati Arabi Uniti. Queste le sue dichiarazioni al riguardo: “La concessione della cittadinanza è significativa al di là del diritto permanente al lavoro. Fornisce al destinatario una connessione più fondamentale con il paese. Non importa quanto il nostro mondo stia diventando globalizzato, cerchiamo intrinsecamente un posto da chiamare casa. Con un passaporto degli Emirati, i massimi esperti della nazione potranno ora farlo. Gli Emirati Arabi Uniti si sono posti obiettivi di sviluppo estremamente ambiziosi, puntando entro il 2071 ad essere una delle nazioni più avanzate al mondo. Sebbene il talento non abbia confini, la raccolta di competenze leader a livello mondiale in un unico luogo catalizza l’innovazione”.
Non so voi, ma io condivido ogni singola parola.

Sono state attuate importanti modifiche alle leggi islamiche

Le coppie non sposate potranno vivere insieme. Fino ad ora infatti, la convivenza senza matrimonio era un crimine.

Sono state inasprite le pene per stupri e molestie sessuali. Per difendere al meglio i diritti della donne, sono state cancellate anche le leggi a protezione dei cosiddetti “crimini d’onore”. Queste permettevano ad un familiare maschio – che aggredisce o uccide una donna per una motivazione considerata “disonorante” – di eludere tutte le accuse. La punizione per questi crimini diventa quindi la stessa di qualsiasi altro tipo di aggressione.

Il tentato suicidio, vietato dalla legge islamica, è stato depenalizzato. Inoltre, i soccorritori non sono ritenuti responsabili in caso di morte della persona assistita.

Alcune novità investono anche il settore degli alcolici. Sono infatti resi meno severi i divieti sul consumo, il possesso e la vendita.
Da qualche mese, per contrastare il crollo delle entrate del turismo, le autorità di Dubai e Abu Dhabi hanno posto fine all’obbligo, per chi beve alcolici, di avere una licenza speciale. Ora questa misura viene estesa a tutti gli Emirati, mentre 21 anni rimane l’età minima per il consumo di alcol.

L’ampliamento delle libertà personali, permette inoltre agli stranieri, che rappresentano circa il 90% della popolazione, di evitare i tribunali della Sharia islamica su questioni come il matrimonio, il divorzio e l’eredità.
Se coinvolti in casi di diritto di famiglia, si potrà quindi chiedere l’applicazione della legge del proprio Paese d’origine. E anche essere assistiti da interpreti nel corso dei processi.

Le nuove misure sono importanti, soprattutto per noi donne. Vi basti sapere che uno dei nostri più grandi terrori riguardo alla Sharia islamica era che in caso di successione, eredita tutto il primo erede maschio. Io e mia figlia non avremmo nessuna tutela e enormi difficoltà operative.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno fatto la storia martedì 9 febbraio 2021 con la prima missione nello spazio

Sono stati la prima nazione araba, e la quinta al mondo, a raggiungere Marte con la sonda Speranza.
La sonda Speranza è la prima, delle tre missioni di esplorazione previste, ad arrivare sul Pianeta Rosso a febbraio. Anche la Cina e gli Stati Uniti stanno conducendo progetti ambiziosi su Marte. L’arrivo della sonda Speranza su Marte, dopo aver percorso 493 milioni di chilometri in un viaggio di sette mesi nello spazio, celebra il 50° anniversario degli Emirati Arabi Uniti.

All’evento è stata data grande rilevanza. Sappiamo che uno dei loro meriti è proprio rendere il loro operato notiziabile. Lungo le strade più importanti è infatti pieno di pannelli che parlano della missione. Inoltre, tutti i neonati del giorno del lancio, hanno ricevuto una tutina da pilota spaziale.

Vaccinazioni

{“subsource”:”done_button”,”uid”:”C5F05BF6-C2CA-441E-B9F8-181BE2F6E9D2_1614665066063″,”source”:”other”,”origin”:”gallery”,”source_sid”:”C5F05BF6-C2CA-441E-B9F8-181BE2F6E9D2_1614665066071″}

Procedono ad ampio ritmo e, entro la fine del mese di marzo, è previsto che il 50% della popolazione sia vaccinata. Insieme ad Israele, detengono il record per il numero delle vaccinazioni. Almeno alla data in cui sto scrivendo il post. Inoltre, Dubai è l’unica che, oltre al Sinopharm prodotto localmente, distribuisce anche Astrazeneca, Pfizer, Sputnik. Si tratta di vaccini gratuiti riconosciuti a tutti.
Io stessa sono tra i fortunati e ancora faccio fatica a crederlo.

Urban Plan 2040 : Dubai best city to live

Come dico sempre una cosa che mi piace tanto di Dubai che si parla sempre di futuro.

Il 14 marzo é stato lanciato il Dubai 2040 Urban Master Plan, ispirato alla visione per lo sviluppo sostenibile dello sceicco His Highness Sheikh Mohammed bin Rashid AI Maktoum.
Un progetto ambizioso improntato all’ecosostenibile, che vuole attrarre sempre più persone.
Pare che il 60% di Dubai sará trasformato in riserve naturali.

“I nostri piani di sviluppo strategico sono incentrati sulla creazione del miglior ambiente e delle migliori infrastrutture possibili per aumentare la felicità e il benessere della comunità e sostenere la realizzazione delle più grandi aspirazioni umane sia per i nostri cittadini che per le persone di tutto il mondo.  Il nostro obiettivo è creare un ambiente veramente inclusivo che non solo soddisfi le esigenze della variegata popolazione di Dubai, ma li ispiri anche ad attingere alle loro capacità creative e innovative e realizzare il loro vero potenziale “, ha dichiaro lo sceicco Mohammed.
Un piano che vuole trasformare Dubai nella migliore destinazione al mondo per lo stile di vita, il tempo libero, il turismo e gli investimenti.
Si partirá dalla riqualificazione di alcune aree civiche e dallo sviluppo di tre nuove aree.
La popolazione raggiungerà i 5,8 milioni.
L’implementazione del Dubai 2040 Urban Master Plan prevede:
– Lo sviluppo di cinque aree urbane principali ;
– Spazi destinati a strutture educative e sanitarie;
-Le aree per hotel e turismo verranno ampliate del 134%;
– Le aree adibite ad attività commerciali, industriali ed economiche aumenteranno fino a raggiungere i 168 chilometri quadrati;
– La lunghezza delle spiagge pubbliche aumenterà fino al 400%;
– Il 60% di Dubai comprenderà riserve naturali e aree naturali;
– Il 55% della popolazione vivrà entro 800 metri da una delle principali stazioni di trasporto pubblico. I trasporti pubblici collegheranno i quartieri residenziali ai luoghi di lavoro, facilitando la circolazione di pedoni, biciclette e mezzi di mobilità sostenibile in tutta la città.

Mi piaceva evidenziare questi piccoli, grandi cambiamenti.
Fornirvi nuove informazioni utili.
Qual è la notizia che vi ha colpito di più?

Mimma, Dubai

Loading...

Author

Avatar

Mimma Kuwait

Giovane quarantenne, mamma di una very funny girl, partita per amore per Kuwait City al grido di “oh poverina” e “ma non ti annoi” sono riuscita a realizzare una grande impresa in mezzo al deserto: trovare il mio vero io. Terrona, comunicativa, pr, scrittrice, sostenitrice della forza del pensiero positivo e grande estimatrice dell’amicizia tra donne di tutte le razze, lingue ed età.

2 Comments

  • Più che dalle parole, a dire il vero, sono stata colpita dalla foto. E’ normale tenersi per mano, o quasi?

  • Bello leggere di un paese che guarda al futuro e pianifica i cambiamenti puntando alla modernizzazione sotto tutti i punti di vista, compresi quelli legislativi e sociali.

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.