Vivere all'estero

Cosa ho imparato dal 2018

Avatar
Written by Nadja Australia

Qualche giorno fa mi è capitato sotto mano un articolo nel blog di una mia cara amica (Moci, la ricordate?). Mi ha fatto riflettere sull’anno appena trascorso e ho deciso di raccontarvi, come ha fatto lei, cosa ho imparato dal 2018.

Se mi seguite sui social vari, saprete già che l’anno appena finito è stato faticoso, ricco di sfide e interessante. Cosa ho imparato dal 2018? Tanto. Di me e della nostra vita errabonda.

Abbiamo lasciato sia Lima che Buenos Aires. Tutto in un solo anno. Due mega traslochi in poco tempo.

Cosa ho imparato da questo? Che ce la si fa. Sempre. Per quanto possa essere difficile e complicato, abbiamo risorse insospettabili. Non nego di aver avuto un crollo ad un certo punto. Eravamo appena arrivati a Buenos Aires e la ricerca casa era impossibile. Prezzi assurdi e condizioni folli. Mesi di ricerca e appuntamenti saltati. Appartamenti vecchi e orribili a prezzi da ville. Le nostre cose da Lima sarebbero arrivate da un momento all’altro e non avevamo un posto dove stare. Ho pensato: BASTA. E’ questa la vita che voglio fare? Stress a mille e mai un attimo di relax?

Poi mi sono seduta. Ho pianto. E ho preso in mano la situazione. Io ce la posso fare. Ho alzato il telefono e chiamato tutti gli agenti che non mi avevano richiamato. Poco dopo, ecco  la casa perfetta. Vicina alla scuola e con tutte le condizioni che cercavo. Cosa ho imparato? Mai perdere la speranza. Perseverare. E’ stato sfiancante? DIO, SI’.

Venivo da un trasloco fatto in 10 giorni  che mi aveva tolto ogni energia. Avevo lasciato amiche preziose e una città che in fondo non amavo ma che mi aveva dato tanto. I miei figli non si spiegavano quel repentino cambio da un posto che consideravano casa e da tutti gli amici che ormai erano quasi famiglia. Eravamo tutti stressati e tesi.

Buenos Aires ci ha accolto bene. La città è fantastica, una delle più belle dove abbiamo mai avuto il piacere di vivere. Ma così diversa da Lima che lo shock culturale è stato grosso per tutti. Alla fine siamo stati benissimo, abbiamo trovato amici meravigliosi che sono entrati subito nel cuore (e ci rimarranno) e una città che sicuramente torneremo a trovare.

E’ la vita che abbiamo scelto di fare. Spostarsi ogni tot anni era nel pacchetto e lo sapevamo. Spostarsi con bambini non era previsto e contabilizzato. E’ complicato? Sì, sopratutto spiegare ogni volta perchè e salutare tutti.

Siamo a casa adesso, la nostra Sardegna. Quanto ci staremo? Non lo so.

Cosa ho imparato dal 2018? Non fare piani. Vivere e prendere quello che viene. Con il sorriso.

Ci godiamo la casa, la famiglia, il sole e il mare. I bambini sono felici. Noi lo siamo. Ci prendiamo questa pausa in attesa della prossima destinazione.

Vogliamo continuare questa vita? SI’.

Siamo matti? OVVIO!

Ma se c’è qualcosa che ho imparato dal 2018 è che vogliamo continuare a viaggiare, vedere il mondo. Il sorriso e la curiosità dei miei bimbi è tantissima. Vederli in aereo tranquilli e sicuri, pronti ad esplorare e scoprire è una delle cose che più mi ricorderò dell’anno appena trascorso. Scegliere con loro il prossimo viaggio da fare, o semplicemente cosa scoprire della città, è una delle cose più belle della vita che facciamo.

Come avete letto non è tutto rose e fiori, ma tra gli insegnamenti dell’anno 2018 c’è sicuramente quello di fregarsene del giudizio degli altri e continuare a testa alta con le mie scelte e la mia vita. Selezionare le amicizie e tenersi strette quelle persone che ti fanno stare bene.

E voi, cosa avete imparato dal 2018?

Nadja, in transito

Pict from Pixabay

Loading...

Author

Avatar

Nadja Australia

Espatriata per lavoro ormai più di 10 anni fa, con mio marito abbiamo vissuto in Serbia, Romania, Bulgaria, Arabia Saudita,Peru e adesso siamo approdati in Argentina! Nel frattempo si sono uniti al gruppo due bimbi globetrotter che ci accompagnano nella nostra pazza vita girovaga!Il nostro mantra? Home is not a place, it's a feeling! Con la Sardegna nel cuore, vivamo dove ci porta il lavoro e ci godiamo ogni piccola cosa che i paesi ospitanti ci offrono con l'entusiasmo della prima volta!

6 Comments

Dicci cosa ne pensi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */